Ecoverso, auto elettriche e ibride: tutte le possibilità di risparmio dalle emissioni di Co2 al bollo

CONDIVIDI

lunedì 19 ottobre 2020

Quali sono le possibilità di risparmio delle auto ibride ed elettriche? Ecoverso (ex GAI – Gruppo Acquisto Ibrido) - associazione di acquisto solidale nata nel 2013 con l’obiettivo di acquistare in gruppo auto ibride ed elettriche e veicoli a basso impatto ambientale - ha realizzato un’analisi per conoscere le reali possibilità di risparmio offerte da un veicolo a basso impatto ambientale.

“Scegliere un veicolo a basso impatto ambientale nel 2020 è una scelta inevitabile: superato il prezzo iniziale più alto, oggi ben mitigato dagli ecoincentivi statali e dagli sconti dei nostri gruppi d’acquisto, i costi di gestione sono assolutamente vantaggiosi”, spiega Gianalfredo Furini, uno dei due soci fondatori di Ecoverso.

“Oggi l’ambientalismo non passa solo attraverso le piazze dei Fridays for Future dei nostri ragazzi, ma anche attraverso le scelte d’acquisto di noi adulti: dal cibo al vestiario, dalle vacanze alla mobilità quotidiana. Nel 2020 abbiamo a disposizione tutte le soluzioni per inquinare meno senza stravolgere le nostre abitudini, spesso spendendo addirittura meno di prima”, conclude Luca dal Sillaro, altro socio fondatore di Ecoverso.

I risultati della ricerca

Diversi i parametri presi in considerazione dall’analisi: il carburante, la manutenzione, il bollo, l’assicurazione e ancora la possibilità di parcheggiare gratuitamente in zone a traffico limitato.

Dallo studio emerge che il costo annuo di un’auto ibrida sia di circa 1560 euro (pari al -49% se si considera un’auto “tradizionale”); si parla invece di 855 euro (quindi -72%) per quanto concerne le auto 100% elettriche.

Calcolando una stima media di 15.000 km all’anno, il CO2 emesso da un’auto a benzina o diesel è pari a circa 120 g/km, che diventano 80 g/km nel caso di un’auto ibrida per poi azzerarsi completamente quando si tratta di auto elettriche.

In termini di risparmio economico, se per il carburante di un’auto diesel o benzina all’anno si pagano circa 1.400 euro, questi scendono a 960 nel caso di un’ibrida (-33%) per poi scendere ulteriormente a 555 nel caso di un’elettrica(-62%).

Per quanto riguarda la manutenzione, invece, un’auto ibrida costa annualmente circa due terzi rispetto ad un’auto benzina o diesel (si parla di 200 euro al posto di 300) e un terzo per quanto riguarda le auto elettriche (100 euro).

Ancora, se l’assicurazione di un veicolo costa annualmente circa 600 euro, questi diventano 400 nel caso di un’auto ibrida (-33%) e 200 nel caso di un’elettrica (-67%).

Infine, se annualmente il bollo di un’auto costa 200 euro e zone a traffico limitato e parcheggi 500 euro 4 , la cifra crolla a zero euro nel caso di un’ibrida o un’elettrica.

Tag: mobilità sostenibile, auto ibride, auto elettriche

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Mobilità: Firenze è la città più sostenibile. A seguire Milano e Torino

Qual è la città più sostenibile d’Italia? A dircelo è il quindicesimo rapporto di Euromobility sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città...

E-Gap: 200 milioni in tre anni per i servizi di ricarica mobile e on-demand

Nei prossimi 3 anni E-Gap, l’operatore italiano impegnato nei servizi di ricarica mobile e on-demand per auto elettriche, investirà 200 milioni per espandere la sua rete. La...

ACI: la transizione energetica della mobilità sia sostenibile ecologicamente, economicamente e socialmente

“Lo sviluppo della mobilità elettrica è fuori discussione ma le politiche che devono incentivare e regolare tale sviluppo non possono prescindere dalla valutazione e dalla...

Scania: Fedel nominato Executive Vice President e Head of Sales & Marketing

Stefano Fedel, attualmente Regional Director Eurasia, Middle East and Africa di Scania, è stato nominato Executive Vice President e Head of Sales & Marketing. Primo italiano a entrare...

Nissan: 15 miliardi di euro per produrre batterie più economiche e potenti

Quanti sono 2 trilioni di yen? Sono 15,65 miliardi di euro ma soprattutto sono la cifra – a dir poco considerevole – che Nissan ha comunicato di voler investire nei prossimi 5 anni per lo...

Rinnovo del parco veicolare: la città metropolitana di Bologna dà il buon esempio

Il nostro parco veicolare, si sa, è uno dei più vetusti d’Europa. L’Italia non brilla certo sotto questo punto di vista, rallentando la tanto agognata transizione ecologica....

Mobility as a service for Italy: aperto l'avviso pubblico per individuare tre progetti pilota

Le nuove tecnologie digitali aprono nuovi scenari anche nel mondo dei servizi dedicati alla mobilità. Il MaaS è un nuovo concetto di mobilità urbana che prevede...

Auto elettriche: obbligo di installazione delle colonnine di ricarica in Uk

E se la decarbonizzazione passasse anche attraverso l'obbligo di installare colonnine di ricarica?La corsa all’elettrificazione continua affannosa. L’Europa ci dice che dobbiamo azzerare...