Auto: nel 2020 gli italiani hanno speso il 20,5% in meno a causa della pandemia

CONDIVIDI

martedì 16 marzo 2021

La pandemia da Covid-19 ha messo in ginocchio il settore automotive che ha visto un calo della spesa sostanziale. Uno studio realizzato dall’Osservatorio Autopromotec,  struttura di ricerca di Autopromotec, ha mostrato che nel 2020 le famiglie e le imprese italiane hanno speso 157,4 miliardi di euro per l’acquisto e l’esercizio di autoveicoli (autovetture, veicoli commerciali, veicoli industriali e autobus).

Si tratta di una spesa inferiore del 20,5% a quella corrispondente del 2019 e poiché questo calo è superiore a quello del Pil, cala anche l’incidenza del settore auto che passa dall’11,1 al 9,7% del Pil.

La spesa per i carburanti in calo del 26%

Tra il 2019 e il 2020 tutte le voci di spesa sono in calo con l’eccezione di quelle relative alle tasse automobilistiche che fanno registrare una lieve crescita. I carburanti, prima voce di spesa in calo, nel 2020 sono costati agli italiani 44,9 miliardi di euro. Rispetto al 2019 vi è stato un calo del 26% dovuto a minori consumi ma anche ad un calo importante dei prezzi.

La seconda voce di spesa per importanza è quella relativa agli acquisti di autoveicoli a cui sono stati destinati 39,4 miliardi di euro, contro i 51,8 del 2019. Come si vede, vi è stato un drastico calo (-23,9%) dovuto al crollo delle immatricolazioni.

Forte rallentamento delle attività di autoriparazioni

Terza voce per importanza è quella per la manutenzione e le riparazioni di autoveicoli che nel 2020 hanno assorbito 32,9 miliardi, contro i 40,5 del 2019. Il calo tra i due anni è stato del 18,7% ed è dovuto essenzialmente ad un forte rallentamento delle attività di autoriparazione a causa delle stringenti restrizioni alla circolazione.

Al quarto posto nella graduatoria della spesa troviamo l’esborso per i premi di assicurazione, incendio e furto.
Nel 2020 le famiglie e le imprese italiane hanno pagato per l’auto alle compagnie di assicurazione 18,2 miliardi. È una cifra di poco inferiore rispetto ai 18,4 miliardi spesi nel 2019 e trova giustificazione nel fatto che sono calati, anche se di poco (-0,8%), i prezzi per l’assicurazione auto, come risulta dagli indici Istat dei prezzi al consumo per l’intera collettività.

-40,9% per i pedaggi autostradali

Quinta e sesta voce per importanza sono rispettivamente quelle relative ai ricoveri e ai parcheggi (che hanno assorbito 8,8 miliardi, con una diminuzione del 2,8% dovuta ad una riduzione delle tariffe) e alle tasse automobilistiche, che hanno dato al sistema un gettito di 6,78 miliardi, in lievissimo aumento rispetto ai 6,74 miliardi del 2019 perché, nonostante la pandemia, il parco circolante, secondo le stime dell’Osservatorio Autopromotec, è cresciuto dello 0,6%.

In chiusura di graduatoria troviamo infine la spesa per i pedaggi autostradali (a cui sono andati 4,9 miliardi, -40,9% sul 2019 a causa di un’importante contrazione dei volumi di traffico) e la spesa per i pneumatici (a cui sono stati destinati 2,1 miliardi, -14,4% a causa del calo delle vendite).

 

Tag: automotive, autopromotec

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Anfia: a febbraio 2021 la produzione dell'industria auto cala dell'8,8%

Aveva già fatto il punto sulle immatricolazioni di auto, con aggiornamento a marzo 2021 e con il consuntivo del primo trimestre dell’anno (ne avevamo parlato qui), ma ora Anfia si...

Noleggio: Aniasa in audizione alla Commissione Lavori Pubblici del Senato sul DL Trasporti

  Un confronto tra il MIMS e la filiera automotive per superare le attuali criticità e rendere disponibile un servizio realmente utile a cittadini ed imprese. Lo chiede l'associazione...

Mobilità: il 77% dei romani è favorevole allo stop dei motori tradizionali nel 2030

Oltre tre quarti degli abitanti di Roma e Milano sono favorevoli alla messa al bando delle motorizzazioni termiche a partire dal 2030. È questa una delle principali indicazioni emerse dal...

Focus Anfia: i dati del mercato auto a marzo e nel primo trimestre

Sono state 169.756 le immatricolazioni di autovetture a marzo 2021, un numero che è 6 volte maggiore (+497,5%) rispetto a marzo 2020, il primo mese in cui, in Italia, sono stati presi...

Automotive: le priorità del mercato secondo Federauto

La scorsa settimana le principali associazioni dell'automotive - Anfia, Unrae e Federauto - avevano rivolto un appello congiunto al Governo per supportare il settore in una fase delicata, data dalla...

Stop controlli al Brennero: non più necessari test e tamponi per i conducenti

Il Tirolo non è più considerato zona di mutazione del virus COVID-19 dalla Germania, ma solo zona di rischio. Quindi, per i conducenti di mezzi pesanti che entrano in Germania...

Noleggio, Aniasa: un piano d'emergenza per salvare la stagione estiva

Il noleggio in tempo di Covid-19, con specifico riferimento a quello a breve termine che si associa spesso al turismo, ha subito una flessione davvero consistente. È per questo che, a ridosso...

Auto, Documento Unico di Circolazione: l'automotive ribadisce la necessità di una proroga

Le associazioni del comparto automotive nazionale tornano a chiedere una proroga del termine per l'entrata a regime della nuova disciplina del Documento Unico (DU) di circolazione e proprietà...