Auto: l'export componenti torna a crescere dopo la frenata del 2020 (+15,4%)

CONDIVIDI

venerdì 13 maggio 2022

Nel 2021, l’export della filiera dei componenti per autoveicoli ritorna a crescere (+15,4%) dopo la frenata del 2020 (-15%) e ammonta a 21,7 miliardi di Euro (in recupero anche l’export italiano di tutte le merci che chiude l’anno a +18,2%).

Il dato emerge dal Focus Anfia Italia, Trade Parti e componenti per autoveicoli che analizza l’import-export della componentistica in riferimento al periodo gennaio-dicembre 2021.

Nello stesso periodo, si registra anche un incremento delle importazioni della componentistica (+19,3%) per un valore di 15,9 miliardi di Euro, portando così la bilancia commerciale a confermare nuovamente un saldo positivo di 5,8 miliardi di Euro (circa 300 milioni di Euro in più rispetto al 2020), con un avanzo di 1,43 miliardi di Euro nel primo trimestre, 1,62 miliardi nel secondo, 1,29 miliardi nel terzo e 1,44 miliardi nel quarto. Sia per l’export che per l’import risultano in rialzo tutte le macroclassi di prodotto ad eccezione della componentistica legata alla riproduzione del suono.

L’export della componentistica automotive ha avuto un trend positivo nella prima parte del 2021 (+10,1% il primo trimestre e +85% il secondo), per poi registrare un progressivo rallentamento nella seconda (+1,5% il terzo trimestre e -6,6% il quarto).

Il comparto della componentistica nel suo complesso ha chiuso il 2021 con un rialzo del 29,5% dell’indice della fabbricazione di parti e accessori per autoveicoli e loro motori1, mentre per il fatturato la variazione positiva dell’indice è stata del 14,6%, nel contesto di un incremento complessivo del 18,7% dell’indice di produzione dell’intera filiera automotive, complice il confronto con i forti ribassi registrati nell’anno della pandemia.

A partire dalla seconda metà del 2021, tra i fattori che hanno inciso sul rallentamento dei ritmi di crescita dell’export nel terzo trimestre (+1,5%) e sull’inversione di tendenza del quarto trimestre (-6,6%) ci sono sicuramente il protrarsi della crisi delle materie prime, particolarmente sentita per acciaio, semiconduttori e materie prime plastiche, e della crisi logistica, avvertite a partire dai primi mesi dello scorso anno e tuttora in corso, con un aggravamento ed estensione ad ulteriori materiali e prodotti dopo lo scoppio del conflitto Russia-Ucraina.

L’export italiano di autoveicoli, nel 2021, vale 16,23 miliardi di Euro, in aumento del 10% rispetto al 2020, mentre l’import vale 24,23 miliardi di Euro (il 7,6% in più rispetto al 2020). Questo genera un saldo negativo della bilancia commerciale che ammonta a circa 8 miliardi di Euro (erano 7,8 miliardi nel 2020). Il forte disavanzo commerciale è come sempre determinato dall’elevata quota di penetrazione dei Costruttori esteri nel mercato italiano: per le autovetture, nel 2021, è pari al 62% circa, decisamente più alta rispetto a Paesi come la Francia e la Germania.

Le esportazioni del settore componenti rappresentano nel 2021 il 5% di tutto l’export italiano, mentre le importazioni valgono il 3,1%, quote che salgono rispettivamente al 5,3% e al 3,2% se si esclude dal totale dei flussi commerciali il comparto energia.

Tag: automotive, anfia

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Mercato automotive, cala anche l'usato: -12,6% nei primi sette mesi del 2022

Se il 2021 era stato l’anno d’oro del mercato delle auto usate, non si può dire di certo lo stesso per il 2022. Secondo i dati diffusi da Unrae, infatti, nei primi sette mesi del...

Aftermarket truck: primo semestre 2022 in crescita rispetto al 2020, ma in calo sul 2021

Il fatturato totale del mercato aftermarket truck relativo al primo semestre del 2022 ha registrato una variazione positiva rispetto al 2019 (+4%) e al 2020 (+43%), ma leggermente negativa rispetto...

Industria automotive: flessione contenuta a luglio (-3,4%)

La produzione dell’industria automotive italiana di luglio 2022 registra una flessione del 3,4% rispetto a luglio 2021, mentre nei primi sette mesi del 2022 diminuisce del 3,1%. Lo ha...

Andrea Crespi è il nuovo presidente di Hyundai Italia

C'è un cambio al vertice di Hyundai Italia. Andrea Crespi, entrato in Hyundai nel 2013 con l'incarico di Direttore Generale, è stato nominato Presidente del brand per il mercato...

Caro carburanti: l'auto è ancora il mezzo preferito dagli italiani, ma cresce l'attenzione al risparmio

Gli italiani sono preoccupati per il bilancio familiare a causa del caro carburanti ma l’aumento ha impattato solo su una quota ridotta degli automobilisti nella scelta dell’alimentazione...

Veicoli commerciali in calo dell'11,2% nel primo semestre 2022

Pubblicato un nuovo focus, realizzato dall'Area Studi e Statistiche ANFIA, relativo al mercato dei veicoli commerciali e industriali in Italia, nel primo semestre 2022. Nel primo semestre 2022, il...

Turchia: le esportazioni di automobili toccano i 4,6 miliardi di dollari

In base a dati recenti  dell'Associazione degli Esportatori dell'Industria Automobilistica di Uludağ, le esportazioni di automobili della Turchia si sono avvicinate a 4,6 miliardi di dollari...

Muoversi insieme verso il futuro: al via la nuova serie podcast a cura di IBE, Intermobility & Bus Expo

Il trasporto collettivo su gomma sta viaggiando velocemente verso un nuovo ecosistema basato su tre elementi fondamentali: digitalizzazione, intermodalità e sostenibilità.Sono questi i...