Anfia: dopo un 2020 nero, l'automotive continua ad arrancare

CONDIVIDI

giovedì 30 settembre 2021

Che il 2020 sia stato un annus horribilis è inutile sottolinearlo. Le economie dei principali Paesi europei (e non solo) hanno ceduto sotto il peso della pandemia. Quasi ogni settore è stato colpito, ma ce n'è qualcuno che ha sofferto ancora di più. È il caso dell'industria dell'auto che archivia, come ribadito da Anfia nell'ultimo Focus del suo centro studi sull'industria autoveicolistica italiana, un anno da dimenticare. Ma il 2020 è davvero “archiviato”?

Il 2020 dell'auto: dati e percentuali


Nel 2020, i fermi delle attività produttive dovuti al Covid-19 hanno determinato la frenata del manufacturing italiano, in parte già iniziata nell'ultima parte del 2018. I risultati del settore automotive sono stati negativi per quanto concerne la produzione industriale, -22,9% nel 2020. 
In volumi, la produzione domestica di autoveicoli scende a 777mila unità, il terzo calo consecutivo dal 2018. Anche la domanda è in forte calo, complici le chiusure dei concessionari nel lockdown di primavera, le limitazioni agli spostamenti e l'incertezza della seconda ondata nell'ultimo trimestre 2020 (-26,6% sul 2019). Nel comparto delle autovetture (in calo del 28% rispetto al 2019), solo quelle a basse emissioni, in particolare le ibride e le elettriche, forti degli incentivi statali, crescono in maniera sostanziale.

Automotive: quali comparti hanno sofferto di più?

Nel dettaglio per attività produttiva, il settore automotive ha registrato i seguenti risultati: -15,3% per la abbricazione di autoveicoli, +26,6% per la fabbricazione di carrozzerie per autoveicoli, rimorchi e semirimorchi, -25,8% per la fabbricazione di parti e accessori per autoveicoli e loro motori.
Nella media annuale del 2020 gli ordinativi e il fatturato del settore automotive si sono chiusi rispettivamente con cali dell’11,0% e del 13,3%.
1° semestre 2021.

Industria italiana: come sta andando il 2021?

Il Focus di Anfia analizza anche la prima parte dell'anno in corso. La produzione industriale nel suo complesso ha fatto registrare nei primi 6 mesi del 2021 un andamento tendenziale generalmente positivo, grazie alle restrizioni per contenere la pandemia sempre più allentate ed al graduale ritorno alla normalità.
Il settore industriale automotive, nel suo complesso, ha registrato le seguenti variazioni tendenziali: +2,3% rispetto a gennaio 2020, -8,8% a febbraio, +125% a marzo, +686% ad aprile, +71,8% a maggio e +49% a giugno. Il 1° semestre chiude a +20%.
Nonostante ciò resta la preoccupazione per glu strascichi dell'emergenza e soprattutto per la nuova crisi che si prospetta durare fino al 2022: la carenza di semiconduttori.

Tag: anfia, automotive

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Suzuki: nel 2021 aumenta il fatturato netto

Nell’esercizio 2021, il fatturato netto di Suzuki è aumentato mentre il risultato operativo è diminuito principalmente a causa dell'aumento dei prezzi delle materie prime. Lo ha...

Anfia: ad aprile calo per il mercato autocarri (-20,6%) e trainati (-14,3%)

Brusca inversione di tendenza per il mercato degli autocarri e per quello dei veicoli trainati ad aprile, dopo la chiusura positiva del primo trimestre 2022. Flessione più modesta per gli...

Autopromotec 2022: l’aftermarket automobilistico riparte da Bologna dal 25 al 28 maggio

Al via la 29esima edizione di Autopromotec, la manifestazione dedicata alle attrezzature e all’aftermarket automobilistico. Appuntamento dal 25 al 28 maggio a Bologna con tecnologi...

Incentivi per l'acquisto di auto e moto: dal 25 maggio riaprono le prenotazioni

Dalle ore 10.00 di mercoledì 25 maggio 2022 i concessionari potranno prenotare i contributi per l’acquisto di nuovi veicoli, auto e moto, non inquinanti attraverso la piattaforma...

Anfia: produzione di rimorchi e semirimorchi a rischio blocco per mancanza di materie prime e aumento dei prezzi

“La situazione è fuori controllo. I continui aumenti dei prezzi, dell’ordine del 15-20%, e le difficoltà di reperimento delle materie prime, che si sommano all’impatto...

Auto: l'export componenti torna a crescere dopo la frenata del 2020 (+15,4%)

Nel 2021, l’export della filiera dei componenti per autoveicoli ritorna a crescere (+15,4%) dopo la frenata del 2020 (-15%) e ammonta a 21,7 miliardi di Euro (in recupero anche l’export...

Arriva Vinci e Viaggia con Petronas, il concorso a premi dedicato agli automobilisti

PETRONAS Lubricants Italy lancia un concorso a premi che mette in palio viaggi esclusivi in Sicilia oltre a premi istantanei e sconti vantaggiosi sul cambio olio. Vinci e viaggia con PETRONAS...

Mercato auto europeo ancora negativo a marzo (-18,8%)

Sono state 1.127.077 le nuove auto immatricolate in Europa a marzo, in calo del 18,8% rispetto a marzo 2021. Sulla base delle rilevazioni ACEA, nel primo trimestre del 2022 le auto immatricolate sono...