FERCAM alla Biennale di Venezia: la logistica sostenibile al servizio dell’arte

martedì 3 maggio 2022

Fino al prossimo 27 novembre sarà possibile visitare la 59a edizione dell’Esposizione Internazionale d’arte della Biennale di Venezia, dal titolo “Il latte dei sogni/The Milk of Dreams”, che segna la ripresa dopo l’interruzione causata dalla pandemia, quindi particolarmente attesa da pubblico e conoscitori.

Presenti 58 Paesi, di cui 5 per la prima volta: la Repubblica del Camerun, Namibia, Nepal, il Sultanato dell’Oman e Uganda. Le Repubbliche di Kazakhstan, Kyrgyzstan e Uzbekistan partecipano per la prima volta con un proprio padiglione.

Ancora diversi mesi prima dell’inaugurazione ufficiale della mostra, il 23 aprile scorso, sono iniziate le attività di trasporto e movimentazione di tutte le opere in esposizione, che quest’anno portano la firma di FERCAM, società altoatesina di logistica e trasporti con un settore specializzato nel trasporto e movimentazione di opere d’arte.
FERCAM si è aggiudicata il servizio di Trasporto locale delle Opere d’arte esposte, grazie a un’offerta presentata in Rti con la Società Scalo Fluviale, con sede a Venezia.

 

Molteplicità e verticalità di servizi

Oltre al trasporto locale in Italia di andata e ritorno dai luoghi d’arrivo delle opere alle sedi espositive FERCAM ha curato la gestione delle operazioni doganali e delle Belle Arti, ove richieste, connesse all’importazione e alla successiva esportazione delle circa 1400 opere e installazioni, nonché al ritiro, stoccaggio e ridistribuzione degli imballi in spazi dedicati.

A conclusione della Biennale, FERCAM provvederà a ritrasportare tutte le opere alle loro abituali sedi espositive.

“Le difficoltà sono sempre presenti quando si lavora con opere e progetti di grande importanza – spiega Francesca Bortoluzzi, Fine Art Specialist, a capo del progetto Biennale per FERCAM –. In questo particolare momento storico, si sono aggiunti diversi impedimenti logistici, come la rapidità della saturazione degli spazi di prenotazione, che ha implicato un necessario, rapidissimo coordinamento con gli agenti in origine. Siamo lieti di aver potuto gestire questa edizione di Biennale Arte 2022 così ricca di contenuti e piena di significato”.

La capillare organizzazione necessaria per gestire un progetto così complesso è stata possibile anche grazie alla molteplicità e verticalità dei servizi integrati offerti.

FERCAM Fine Art Torino ha curato il coordinamento di tutte le Opere provenienti dall’Inghilterra; il reparto Full Truck Load di Venezia si è occupato di un delicatissimo trasporto eccezionale e FERCAM Tunisia ha gestito la complessa burocrazia necessaria per una delle opere, facendo sì che arrivasse a destino entro i tempi richiesti.

 

Sostenibilità delle operazioni logistiche

Anche dal punto di vista della sostenibilità, FERCAM è stata in linea con quanto richiesto e prospettato dai progetti della Biennale, grazie alle iniziative e agli investimenti intrapresi in questo campo.

Massima attenzione è stata attribuita alla sostenibilità delle operazioni logistiche. Nello specifico gli interventi non si limitano al trasporto e movimentazione delle opere d’arte con l’impiego di automezzi ad alimentazione atta a ridurre al minimo l’impatto ambientale ma anche all’efficientamento energetico e al riuso di materiale quale imballaggi su misura utilizzati per il traporto di opere d’arte; infatti una volta assolto il loro compito primario, alcune delle casse in legno saranno destinate a riuso, grazie all’accordo di FERCAM con il Gruppo Saviola e Mediaservice Recycling Srl, volto alla realizzazione di arredi costruiti con pannelli di legno riciclato.

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata