Europa e Cina più vicine con il nuovo terminal ferroviario di Kaliningrad

mercoledì 6 ottobre 2021

Nuovi collegamenti alternativi per il trasporto ferroviario tra Europa e Cina. Inaugurato terminale per il traffico transeuroasiatico nella regione di Kaliningrad.

Il nuovo terminale consente alla logistica ferroviaria di agire in modo flessibile sulla Nuova Via della Seta, nella quale l'aumento dei trasporti batte costantemente nuovi record.

Il 1° ottobre, nella città di Chernyakhovsk è stato ufficialmente inaugurato il nuovo centro di trasporto e logistica "Est-Ovest", nella regione di Kaliningrad. Il nuovo terminale ferroviario ha una capacità di servizi per la movimentazione annua di 450.000 container standard (TEU).
L'hub sarà specializzato nel trasporto di beni in esportazione e importazione, nonché nella movimentazione di container in transito tra l'Asia e l'Europa. Nel medio termine, dovrebbe diventare uno dei più importanti snodi di trasporto sulla Nuova Via della Seta.

Fino a due coppie di treni a settimana

Il nuovo terminale di trasporto e logistica, "Est-Ovest", è stato realizzato nel 2020, sulla base di un accordo tra il Ministero dei Trasporti russo, RZD e il governo della regione di Kaliningrad, in merito all'attuazione del progetto federale russo, "Centri di trasporto e logistica".

Il nuovo terminale ferroviario supporterà il traffico ferroviario di UTLC ERA sulla rotta Cina – Europa – Cina. L’azienda intende autorizzare alla partenza fino a due coppie di treni a settimana, nel terminale. I treni pilota hanno superato con successo i test. A Chernyakhovsk, i container vengono trasbordati dallo scartamento largo (1520 mm) allo scartamento europeo (1435 mm), e inviati a destinazione. L’immediata vicinanza del terminale al confine di Zheleznodorozhny dalla parte russa e Skandava dalla parte polacca consentirà un maggiore transito verso l'Europa. Ciò vale particolarmente nel caso in cui altri posti di blocco, in particolare quelli bielorussi-polacchi, raggiungono i loro limiti di capacità.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata