Flixbus-Scania: in arrivo il primo bus a biogas per il trasporto su lunghe percorrenze

martedì 27 luglio 2021

Una recente tecnologia ha permesso di raffreddare il biogas a circa -160 gradi Celsius in modo che diventi liquido e quindi più denso di energia, permettendo così di utilizzare il gas per il trasporto pesante, sia via terra che via mare.

Attualmente il biogas è  utilizzato in forma compressa principalmente da autobus urbani, automobili e veicoli per il trasporto leggero, ma finora era stato meno competitivo per i veicoli pesanti a lunga percorrenza.

La disponibilità di biogas aumenterà rapidamente in tutta Europa, grazie anche alla decisione dell'UE di creare punti di rifornimento lungo le principali reti stradali europee (TEN-T).

Flixbus-Scania: primo veicolo a biogas per lunghe percorrenze 

Flixbus, in collaborazione con Scania e con il fornitore di gas Gasum, introduce nella propria flotta il primo veicolo per trasporto passeggeri per lunghe percorrenze alimentato a biogas liquido (LBG), che opererà sulla rotta Stoccolma-Oslo.
Il bus ridurrà l'impatto ambientale e contribuirà alla transizione green del settore del trasporto passeggeri tra le due capitali nordiche.

"È il primo autobus a lunga percorrenza alimentato a biogas liquido, ed è probabilmente la soluzione più sostenibile ad oggi", afferma Johan Ekberg, Head of Scania's Customer Unit.

I vantaggi del biogas liquido sono molti: è fossil free, rinnovabile, prodotto localmente e riduce le emissioni. Passando al biogas liquido prodotto localmente come carburante per veicoli industriali e trasporto passeggeri a lunga percorrenza, gli operatori riducono l'impatto sul clima, sia proprio che dei loro clienti, di oltre il 90%. La qualità dell'aria migliora anche grazie alla riduzione delle emissioni di particelle e ossidi di azoto (NOx), inoltre i veicoli sono più silenziosi, un vantaggio sia i conducenti che per i passeggeri e in generale per l’ambiente.
Il biogas non è solo il carburante con le emissioni di CO2 più basse, ma risolve anche i problemi dei rifiuti locali, crea posti di lavoro e riporta carbonio e sostanze nutritive al suolo. È il coltellino svizzero dell'economia circolare", afferma Jonas Strömberg, Sustainability Director di Scania.

Già oggi, il 17% del gas nella rete europea è costituito da biogas e sta aumentando rapidamente, contribuendo attivamente alla riduzione delle emissioni di CO2. Nella rete svedese del gas per autoveicoli il biogas raggiunge l’incredibile quota del 95%.

“Il biogas sarà uno degli strumenti chiave per la decarbonizzazione del trasporto pesante, in particolare per le operazioni a lunga distanza come l'interurbano e il lungo raggio. Metà della flotta europea dei veicoli pesanti a gas potrebbe essere alimentata a biogas entro il 2025", conclude Jonas Strömberg.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata