Covid-19: a marzo calo del 70% per la logistica. La ricetta per ripartire secondo Randstad Research

mercoledì 13 maggio 2020 11:50:50

A marzo l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 iniziava a entrare nella sua fase più acuta e il 70% degli operatori logistici nei comparti trasporti e magazzinaggio ha bloccato le attività. Nei trenta giorni successivi soltanto l’intermodale del cargo ferroviario ha mantenuto i volumi di merci movimentate invariati, mentre il trasporto a treno completo ha subito una contrazione del 50% rispetto al mese di febbraio, il cargo aereo li ha ridotti di una percentuale compresa fra il 40% e il 50%, la corrieristica e le attività di consegna sono calate fino al 70%. Lo ha reso noto il centro di ricerca Randstad Research.

Ora la logistica deve imparare a convivere con il virus e con i maggiori costi di produzione, transazione e acquisto che deriveranno dai nuovi presidi di sicurezza richiesti (dal distanziamento alle protezioni), dalla revisione e dal probabile rallentamento dei processi, dall’interruzione delle filiere e dai diversi tempi di risoluzione della crisi nei vari paesi che impediscono di ottimizzare i carichi di andata e ritorno, con il moltiplicarsi di “corse a vuoto”.

La prima sfida per una solida ripartenza sarà puntare sulla qualità del capitale umano: serve un piano per attrarre competenze dall’estero e colmare il gap di competenze digitali attraverso la formazione continua. Ma è l’intero settore che dovrà trasformarsi, dotandosi di nuovi protocolli di lavoro e nuove norme di sicurezza, diversificando fonti e canali di approvvigionamento, aumentando trasparenza, controllo e sinergie per assicurare e salvaguardare le filiere, accumulando riserve di materiali strategici, rafforzando l’impiego di tecnologie digitali e innovative, migliorando la sostenibilità delle attività logistiche.

Sono alcuni risultati dell’indagine “La logistica nella guerra al virus: le sette nuove direttrici nelle filiere e nel capitale umano” realizzata dal Randstad Research, il centro di ricerca del Gruppo Randstad dedicato al lavoro del futuro, in collaborazione con Confetra, che ha analizzato l’impatto del Covid-19 sulla logistica e ha individuato le sette trasformazioni alle quali è chiamato il settore per ripartire dopo l’emergenza.

“Il Coronavirus avrà un impatto prolungato sulla logistica, operatori e aziende della filiera dovranno imparare a conviverci, a sopportarne i costi e a rinnovarsi – afferma Daniele Fano, Coordinatore del Comitato Scientifico del Randstad Research -. Potrebbero ampliarsi i differenziali all’interno del settore e, sebbene il ruolo dei giganti dominanti rischi di crescere ancora, ci sarà spazio per le aziende minori che sapranno cogliere il segno del cambiamento. Proprio per questo gli investimenti in capitale umano, accanto a quelli nel digitale, nella nuova mobilità e nel marketing, svolgeranno un ruolo chiave. Fondamentale, in prospettiva, sarà il ruolo delle politiche attive del lavoro e dell’istruzione per attirare cervelli, mobilitare la formazione continua, risolvere il problema dei troppi lavoratori con competenze inadeguate al mercato del lavoro”. 

Ecco le 7 trasformazioni della logistica post-Coronavirus: nuovi protocolli di lavoro, nuove norme di sicurezza; diversificazione delle fonti e dei canali; maggiori sinergie fra operatori della filiera; digitalizzazione; riserve strategiche; rilocalizzazione e sostenibilità; resilienza e qualità del capitale umano.

Da un sondaggio condotto su un campione di circa 100 fornitori logistici, emerge che la difficoltà nel reperire dispositivi di protezione individuale, come mascherine e guanti (indicata dal 45% del campione), e il mancato bilanciamento dei carichi, con conseguenti viaggi in perdita, e la chiusura dei magazzini di destinazione delle merci (indicati dal 30% degli intervistati) sono stati principali ostacoli alle attività logistiche durante la pandemia. Per gli spedizionieri, invece, gli aspetti più problematici sono stati l’incertezza dei tempi di percorrenza, la congestione e i blocchi alle frontiere e la crisi di liquidità legata ai crediti insoluti.

Nel primo mese dell’emergenza, per quanto riguarda il cargo ferroviario, l’intermodale è l’unico comparto ad aver mantenuto i volumi invariati, mentre il trasporto convenzionale a treno completo ha registrato un -50% di merce movimentata. Il cargo aereo ha ridotto i volumi del 40-50% e l’attività corrieristica e di consegna ultimo miglio si è contratta fino al 70%. Per quanto riguarda, invece, i terminal portuali, nel Nord Adriatico la movimentazione di contenitori è calata del 20% e del 10-15% nel Tirreno Centro Settentrionale. Buona parte di questi volumi, però, erano in giacenza: il rallentamento produce nel settore effetti ritardati provocati dai lunghi tempi di percorrenza dei vettori marittimi che si stima possano arrivare fino al -20/30%.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Logistica

Altri articoli della stessa categoria

Federlogistica-Conftrasporto lancia il progetto Digital Community e le sedi territoriali

giovedì 2 luglio 2020 11:31:24
Conftrasporto-Federlogistica si rinnova. Durante i lavori dell’assemblea nazionale è stato lanciato il progetto Digital Community, annunciati...

Confetra, Nicolini: Dl Semplificazioni, occasione per dare una svolta al settore logistica e trasporto merci

mercoledì 1 luglio 2020 11:24:34
Il settore della logistica e del trasporto merci è il “più vessato dalla burocrazia”. Lo afferma Guido Nicolini presidente di...

Piacenza: 37 misure cautelari nel mondo della logistica per appropriazione indebita

mercoledì 1 luglio 2020 18:42:33
I militari del Comando Provinciale di Piacenza hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 37 persone (27 cittadini italiani e...

Trieste: ex Ferriera diventa polo logistico. Al via piano di riconversione

martedì 30 giugno 2020 10:31:27
Firmato in Prefettura a Trieste l’Accordo di programma per l’attuazione del progetto di riconversione industriale della Ferriera. L’accordo...

Gefco rinnova la partnership con Toyota e Lexus

martedì 30 giugno 2020 11:49:44
Gefco rinnova l’accordo con Toyota e Lexus per la distribuzione di autoveicoli in Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria. GEFCO Repubblica...