Iata: a febbraio traffico passeggeri a picco sotto restrizioni di viaggio per Covid-19

mercoledì 8 aprile 2020 15:17:35

I dati dell’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) sul traffico passeggeri globale di febbraio dimostrando che la domanda (misurata in RPK) è diminuita del 14,1% rispetto allo stesso mese 2019. Si tratta del calo più ripido del traffico dall’11 settembre, provocato dal collasso dei viaggi interni in Cina e dal forte calo della domanda internazionale da/verso e all'interno della regione Asia-Pacifico, a causa della diffusione del virus Covid-19 e delle restrizioni ai viaggi imposte dal governo. La capacità di febbraio (chilometri disponibili per posto o ASK) è diminuita dell'8,7% mentre le compagnie aeree hanno cercato in tutti i modi di tagliare la capacità in linea con il traffico in calo e il fattore di carico è sceso di 4,8 punti percentuali al 75,9%.
“È come se a febbraio le compagnie aeree fossero state colpite da una martellata. I confini sono stati chiusi nel tentativo di fermare la diffusione del virus. E l'impatto sull'aviazione ha lasciato le compagnie aeree con poco da fare se non tagliare i costi e adottare misure di emergenza nel tentativo di sopravvivere in queste circostanze straordinarie – ha spiegato Alexandre de Juniac, direttore generale e Ceo della Iata –. Il calo globale della domanda del 14,1% è grave, ma per i vettori dell'Asia-Pacifico il calo è stato del 41%. Ed è solo peggiorato. Senza dubbio questa è la più grande crisi che l'industria abbia mai affrontato".
I passeggeri sui voli internazionali sono diminuiti a febbraio del 10,1% rispetto allo stesso mese 2019, il peggior risultato dall'esplosione della SARS del 2003 e un'inversione dall'aumento del traffico del 2,6% registrato a gennaio. L'Europa e il Medio Oriente sono state le uniche regioni in cui si è registrato un aumento del traffico anno su anno. La capacità è scesa del 5% e il fattore di carico è precipitato di 4,2 punti percentuali al 75,3%.
Il traffico di febbraio delle compagnie aeree dell'Asia-Pacifico è crollato del 30,4% rispetto al periodo dell'anno precedente, invertendo bruscamente un aumento del 3% registrato a gennaio. La capacità è diminuita del 16,9% e il fattore di carico ha subito una contrazione di 13,2 punti percentuali rispetto a febbraio 2019, attestandosi al 67,9%.
Sono rimasti pressoché invariati rispetto a un anno fa i passeggeri delle compagnie europee (+ 0,2%), la performance più debole della regione in un decennio. Il rallentamento è stato trainato da rotte verso/ dall'Asia, dove il tasso di crescita ha rallentato di 25 punti percentuali a febbraio, rispetto a gennaio. La domanda nei mercati in Europa ha registrato una solida performance nonostante alcune sospensioni di volo iniziali sulle rotte da/per l'Italia. Tuttavia, i dati di marzo rifletteranno l'impatto della diffusione del virus in Europa e le relative interruzioni dei viaggi. La capacità di febbraio è aumentata dello 0,7% e il fattore di carico è sceso di 0,4 punti percentuali all'82%, che rimane il più alto tra le regioni.
Le compagnie aeree del Medio Oriente hanno registrato un aumento del traffico dell'1,6% a febbraio, un rallentamento rispetto alla crescita su base annua del 5,3% registrata a gennaio, principalmente a causa di un rallentamento delle rotte Medio Oriente-Asia-Pacifico. La capacità è aumentata dell'1,3% e il fattore di carico è salito di 0,2 punti percentuali al 72,6%.
I vettori nordamericani hanno registrato un calo del traffico del 2,8%, invertendo la tendenza rispetto al +2,9% di gennaio, poiché le restrizioni di ingresso internazionali hanno colpito i vettori e i volumi sulle rotte Asia-Nord America sono precipitati del 30%. La capacità è scesa dell'1,5% e il fattore di carico è sceso di 1 punto percentuale al 77,7%.
Le compagnie aeree dell'America Latina hanno registrato un calo della domanda dello 0,4% a febbraio rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. Il dato in realtà rappresenta un miglioramento rispetto al calo del 3,5% registrato a gennaio. Tuttavia, la diffusione del virus e le conseguenti restrizioni sui viaggi si rifletteranno nei risultati di marzo. Anche la capacità è diminuita dello 0,4% e il fattore di carico è rimasto invariato rispetto a febbraio 2019 all'81,3%.
Il traffico delle compagnie aeree africane è sceso dell'1,1% a febbraio, contro un aumento del 5,6% registrato a gennaio. Si tratta del risultato più debole dal 2015. Il dato è stato trainato da un calo del traffico di circa il 35% su base annua nel mercato Africa-Asia. La capacità è aumentata del 4,8% e il fattore di carico è sceso di 3,9 punti percentuali al 65,7%, il più basso tra le regioni.
Per quanto riguarda i voli interni, la domanda è scesa del 20,9% a febbraio di quest’anno rispetto allo stesso mese 2019, poiché il mercato interno cinese è crollato a causa del blocco del governo. La capacità domestica è diminuita del 15,1% e il fattore di carico è sceso di 5,6 punti percentuali al 77%.
Il traffico interno delle compagnie aeree cinesi è sceso dell'83,6% a febbraio, il risultato peggiore da quando la Iata ha iniziato a seguire il mercato nel 2000. Con l'attenuazione di alcune restrizioni sui viaggi interni a marzo la domanda interna sta mostrando alcuni segnali di miglioramento.
Le compagnie aeree statunitensi hanno goduto di uno dei loro mesi più forti a febbraio, con un aumento del traffico interno del 10,1%. La domanda è scesa verso la fine del mese, tuttavia, con il pieno impatto di Covid-19 che dovrebbe mostrare i suoi effetti sui dati di marzo.
"Questa è l'ora più buia dell'aviazione ed è difficile vedere un sorgere del sole a meno che i governi non facciano di più per sostenere l'industria attraverso questa crisi globale senza precedenti – ha aggiunto de Juniac –. Siamo grati a coloro che hanno intensificato le misure di soccorso, ma molti altri devono farlo. La nostra analisi più recente mostra che le compagnie aeree potrebbero bruciare $61 miliardi delle loro riserve di cassa durante il secondo trimestre (30 giugno 2020). Ciò include $35 miliardi di biglietti venduti ma non utilizzati a seguito di ingenti cancellazioni di voli a causa di restrizioni imposte dai governi. Accogliamo con favore le azioni dei legislatori ed organismi di controllo che hanno allentato le regole in modo da consentire alle compagnie aeree di emettere buoni di viaggio al posto di rimborsi per biglietti non utilizzati; e esortiamo gli altri a fare lo stesso. Il trasporto aereo svolgerà un ruolo fondamentale a sostegno dell'inevitabile ripresa. Ma senza ulteriori azioni del governo oggi, l'industria non sarà in grado di aiutare quando i cieli saranno più luminosi domani".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Compagnie Aeree

Altri articoli della stessa categoria

Iata: timidi segnali di ripresa del traffico aereo a maggio

lunedì 6 luglio 2020 17:46:44
A maggio il traffico aereo di passeggeri (misurata in chilometri passeggeri o RPK) è diminuito del 91,3% rispetto allo stesso mese 2019. Si tratta...

Blue Panorama: dal 4 luglio torna a collegare Ancona con Tirana

venerdì 3 luglio 2020 09:48:31
Blue Panorama Airlines dal 4 luglio torna a collegare le Marche con l’Albania. Partiranno, infatti, dall’aeroporto di Ancona voli diretti di andata...

AGCM avvia procedimenti nei confronti di Alitalia e Volotea per vendita di viaggi cancellati causa Coronavirus

venerdì 3 luglio 2020 12:48:41
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, sulla base di numerose segnalazioni di consumatori, ha avviato due procedimenti istruttori e...

Lufthansa e Air Dolomiti riavviano il collegamento tra Bari e gli hub di Francoforte e Monaco

giovedì 2 luglio 2020 09:42:26
Il Gruppo Lufthansa ripristinerà i collegamenti tra l’Aeroporto Karol Wojtyla di Bari e i propri hub di Francoforte e Monaco, a partire...

Ryanair: 4 rotte per l’estate dall’Aeroporto di Trapani

mercoledì 1 luglio 2020 13:27:52
Ryanair ha annunciato la ripresa dei collegamenti da e per l’aeroporto di Trapani Birgi, con il ripristino del volo su Bologna, operativo già dal...