Tutto il comparto riunito nella Conferenza nazionale sul trasporto aereo

mercoledì 20 marzo 2019 15:00:58

Tutti gli operatori del trasporto aereo sono riuniti oggi a Roma per tracciare le linee del futuro del comparto e dare impulso a un settore estremamente importante, che non può più essere trascurato. L’occasione è la Conferenza nazionale sul trasporto aereo, organizzata dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in corso oggi e domani a Villa Miani, a Roma, con Enac, Enav, Leonardo, Assaeroporti e Ferrovie dello Stato come partner dell’iniziativa.
“E’ la prima volta che il comparto del trasporto aereo si riunisce – ha detto il sottosegretario ai Trasporti, Armando Siri, aprendo i lavori -. E’ un settore, che vale il 3,6% del Pil tra diretto e indotto, che sta vivendo un momento di straordinaria crescita. Secondo le stime di Eurocontrol nel 2040 arriveremo a 16,2 milioni di voli, con una crescita del 53% rispetto al 2017 mentre le previsioni per l’Italia sono di 250 milioni di passeggeri nel 2030”. Per rispondere a questa capacità è quindi necessario dare un cambio di passo alla programmazione, definire in modo chiaro i ruoli e le competenze che governano la complessa filiera aeroportuale, garantendo stabilità agli operatori, lavorare ad un sistema integrato con gli altri sistemi di trasporto, in particolare quello ferroviario. “E’ imprescindibile un miglioramento quantitativo e qualitativo della connettività aeroportuale garantendo uno sviluppo reale dell’intermodalità – ha sottolineato il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli -. Per questo deve essere assicurato un serio sistema di collegamento tra aerei, aeroporti e ferrovie”.
Inoltre dovrà essere rivisto il piano nazionale degli aeroporti, che va adeguato alle nuove previsioni di crescita. “Entro il 2040 a livello mondiale ci sarà un raddoppio del numero dei passeggeri che arriveranno a 8 miliardi mentre in Italia si arriverà a 300 milioni che con le infrastrutture attuali non saremo in grado di processare – ha spiegato il neo presidente dell’Enac, Nicola Zaccheo -. Per questo è urgente un nuovo piano degli aeroporti che preveda un’ottimizzazione delle strutture esistenti e anche una precisa caratterizzazione dei vari aeroporti. Il ministro Toninelli ha già incaricato Enac di rivedere il piano nazionale e contiamo nei prossimi mesi di presentare già una prima bozza che prima, naturalmente, discuteremo con tutti gli stakeholder”.
L’amministratore delegato dell’Enav, Roberta Neri, ha invece rimarcato come “coinvolgere le istituzioni e le realtà industriali di settore è fondamentale per creare le basi solide per una strategia di sviluppo infrastrutturale efficiente, perché nessuno può fare nulla da solo”. Neri ha sottolineato la necessità di investire nello spazio aereo, “una vera e propria infrastruttura come strade e ferrovie su cui bisogna investire per sfruttarne le potenzialità, garantendo ai passeggeri un servizio sicuro e di alta qualità”. Un investimento che Enav sta già facendo con 650 milioni di euro previsti fino al 2022. “Già qualche anno abbiamo iniziato a rivedere la struttura dello spazio aereo italiano e lo scorso anno abbiamo completato con successo questa prima modernizzazione. Se non avessimo iniziato per tempo probabilmente ora ci saremmo trovati impreparati a gestire una crescita così importante causando ritardi ai passeggeri e un danno economico per le compagnie aeree e gli aeroporti”.
Presente alla conferenza anche l’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, che ha posto l’accento sul fatto che nei prossimi vent’anni entreranno in servizio 41mila nuovi aerei. La sicurezza e l’efficienza dei voli diventano quindi sempre più importanti. “Leonardo da anni lavora nel settore del controllo del traffico aereo – ha detto – tanto che sono 700 i radar di sorveglianza primari e secondari venduti in tutto il mondo e 400 i radar meteo. Circa 300 sono invece i centri di gestione del traffico aereo. Quello del controllo del traffico aereo è quindi per noi un settore core e dobbiamo continuare a valorizzarlo puntando sempre più sulla sicurezza, sulla riduzione dei consumi come si sta facendo con il progetto Sesar (Single european sky ATM research) e attraverso l’innovazione e la tecnologia”. 
La prima giornata prevede quattro panel su altrettante tematiche: “Trasporto aereo tra regolazione e mercato”, “Innovazione tecnologica e sviluppo sostenibile”, “I protagonisti del trasporto aereo” e “Sistema aeroportuale nazionale e reti aeroportuali”. Domani toccherà poi al sottosegretario Siri illustrare i documenti di sintesi.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Istituzioni

Altri articoli della stessa categoria

MIT: per la Sardegna operativi solo voli in continuità territoriale. Nessuna limitazione per la Sicilia

martedì 2 giugno 2020 20:45:07
Il decreto firmato oggi dalla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli contiene nuove disposizioni per il trasporto aereo per i...

Enac e Politecnico di Torino insieme per la sicurezza del volo

mercoledì 20 maggio 2020 09:18:36
Il Politecnico di Torino è stato selezionato dall’Enac per il finanziamento di due assegni di ricerca biennali indirizzati a giovani neo laureati...

Enac: pubblicate le linee guida per la ripresa del traffico negli aeroporti

martedì 19 maggio 2020 10:10:37
L’Enac ha pubblicato sul proprio sito le “Linee Guida per la ripresa del traffico negli aeroporti, a partire dalla Fase 2”, a conclusione del...

Enac: precisazione in merito a bozza Regolamento su tempi di volo e di servizio del personale navigante

venerdì 15 maggio 2020 15:27:31
L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha diffuso una breve nota per alcune precisazioni in merito alle notizie apparse su alcuni organi di stampa...

Decreto Rilancio: le misure per Alitalia e il trasporto aereo

giovedì 14 maggio 2020 10:43:41
Importanti novità anche per il settore aereo nel Decreto Rilancio, approvato ieri dal Consiglio dei ministri. Partiamo da Alitalia, per cui è...