Nasce Enac Academy, un polo di formazione all’aeroporto dell’Urbe

lunedì 18 febbraio 2019 16:40:44

Sviluppare la cultura aeronautica e promuovere l’aviazione civile attraverso la costruzione di percorsi di alta formazione e la creazione di “network of excellence” da realizzare in sinergia con Università, soggetti istituzionali o privati titolari di know how aeronautico di livello internazionale. Questo l’obiettivo di Enac Academy, il nuovo progetto dell’Enac presentato oggi a Roma dai vertici dell’Enac, il direttore generale dell’Ente Alessio Quaranta e il presidente Nicola Zaccheo. “Enac Academy intende costituire un terreno di incontro tra l’Ente e le richieste formative provenienti dell’esterno per fornire a tutti gli stakeholder gli aggiornamenti previsti dalla normativa internazionale – ha sottolineato Quaranta -. L’erogazione della formazione è anche un tema fondamentale negli accordi di cooperazione, finalizzati alla “capacity building”, che l’Ente ha con alcuni Paesi, tra cui l’Egitto, l’Albania, il Montenegro, la Libia, la Somalia, che hanno specifiche necessità, prevalentemente nei settori dell’airworthiness, operazioni di volo, licenze, aeroporti, spazio aereo e security”.
Sede dell’Academy sarà l’aeroporto dell’Urbe, dove già esistono realtà di alta formazione aeronautica e accademica, come la Scuola di Ingegneria Aerospaziale dell’Università Sapienza di Roma. Il progetto prevede la realizzazione di un edificio di circa 4mila metri quadri; 10 aule per la didattica da circa 20 posti ciascuna; un auditorium di 200 posti circa; laboratori, servizi, spazi di supporto, uffici amministrativi; una biblioteca; una caffetteria e parcheggi intorno all’edificio. 
L’offerta formativa è rivolta alle esigenze di formare il personale che opera nel settore della formazione alle aziende, come accade, ad esempio, nel programma “train the trainer” applicabile agli istruttori di security.
Per la gestione e lo sviluppo del progetto Academy, l’Enac ha previsto l’elaborazione di un business plan finalizzato a: individuare le esigenze proprie, ma soprattutto quelle provenienti dall’esterno, comprese le attività collegate agli accordi internazionali che prevedono percorsi formativi a favore di autorità aeronautiche estere; coinvolgere gli stakeholder per individuare le esigenze e acquisire la disponibilità a contribuire attivamente alla realizzazione del progetto Academy. La presentazione del business plan e del piano temporale di massima delle attività da svolgere, saranno presentate al Consiglio di amministrazione entro il 2019.
Tra le prime attività a cui si dedicherà l’Academy vi sono i programmi, già in corso, di formazione relativi alla security, “train the trainer” e “recurrent training”.

 

 


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Istituzioni

Altri articoli della stessa categoria

Commissione Ue: aggiornata la Air Safety List

giovedì 18 aprile 2019 08:49:36
La Commissione europea ha aggiornato la Ue Air Safety List, l'elenco delle compagnie aeree che non soddisfano gli standard di sicurezza internazionali e sono...

ASI: pronti al lancio i primi due esperimenti di Parmitano sulla ISS

martedì 16 aprile 2019 15:57:59
Partiranno domani, a bordo del lanciatore Antares-230, i primi due esperimenti dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) che vedranno coinvolto...

Sardegna: proroga continuità territoriale dopo incontro Regione-MIT

lunedì 15 aprile 2019 09:09:56
Su richiesta del presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha disposto la proroga, dal 17 aprile...

Enac: anche Alessio Quaranta al Forum di Singapore

giovedì 11 aprile 2019 14:53:19
Si è parlato di nuove tecnologie applicate all’aviazione e di intelligenza artificiale nel corso del World Civil Aviation Chief Executives Forum...

Enav all’ATC FORUM 2019 di Dubai

lunedì 8 aprile 2019 09:08:58
Enav parteciperà all’ATC FORUM 2019 che si terrà dal 29 aprile al 1 maggio presso l’International Convention and Exhibition Centre (DICEC) di Dubai....