Autostrade del mare, 190mila tir in meno all’anno sulle strade

venerdì 28 settembre 2018 12:56:41

Svolta green nel trasporto delle merci: negli ultimi 4 anni sono cresciute del 23,5% le Autostrade del mare e il 2018 conferma una crescita del segmento ADM con stime del 5% rispetto al 2017.

Grazie alle autostrade del mare via dalla strada 190 mila tir l’anno e quindi un risparmio di esternalità negative di 45,72 Mln € l’anno. Il mercato italiano delle ADM conta su oltre 560 collegamenti svolti con navi Ro-Ro e Ro-Pax dai porti italiani per oltre 1,3 milioni di ml di stiva a settimana. Di questi, oltre i 450 sono garantiti da armatori italiani.

Previsti piani di investimento per lo sviluppo ulteriore del mercato. Tra i principali Marebonus per il quale sono attualmente in corso finanziamenti pari a 118 milioni di euro (42 mln nel 2017 + 76 mln nel 2018). Lo stanziamento Marebonus ha stimolato investimenti per nuovi servizi ADM e per l’upgrading di quelli esistenti di 538,1 milioni di Euro su un orizzonte temporale triennale, con un effetto leva di 4,56 miliardi.

Prossimamente Ram proporrà a Bruxelles di trasformare la formula italiana di incentivi in un progetto europeo, Med Atlantic Ecobonus, cioè il bonus che mira a promuovere un sistema di incentivi per le Autostrade del Mare di matrice europea con la formula della doppia call per il bando che coinvolge sia gli armatori che gli autotrasportatori.

L’obiettivo dichiarato da Ennio Cascetta, amministratore unico di Ram Logistica Infrastrutture e Trasporti Spa alla 3° Edizione della Naples Shipping Week è quello di intercettare un enorme mercato potenziale, quello del trasporto merci nel Mediterraneo.

Si guarda anche all’altra sponda del Mediterraneo, il nord Africa. Ma la vera sfida sarà riuscire ad intercettare parte dei traffici del primo partner commerciale del continente africano: la Cina che ha aumentato del 205% gli investimenti per delocalizzazioni produttive nel continente africano dal quale verrà generato traffico verso l’Europa, usando le rotte mediterranee.

“Si tratta – sottolinea Cascetta –  di un’opportunità anche per il mediterraneo e l’Italia” considerando che “Cina significa anche delocalizzazioni industriali e produttive in Africa per servire i mercati europei ed americani. Un ‘servizio’ all’export dall’Africa che l’Italia deve saper cogliere puntando su quanto sa già fare: il servizio Ro-Ro con il quale – conclude Cascetta -  possiamo gestire qualunque aumento di traffico in arrivo dall’Africa.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Porto di Trieste, al via il progetto COMODALCE per rendere competitivo il trasporto intermodale

venerdì 12 aprile 2019 15:01:43
Prende avvio a Trieste il progetto COMODALCE "Enhancing COordination on multiMODAL freight   transport in CE", che mira a rendere il trasporto...

Mit, tavolo istituzionale per il porto di Pescara: rientrerà tra le opere oggetto del Decreto Sbloccacantieri

venerdì 12 aprile 2019 15:42:26
Le problematiche relative al porto di Pescara al centro di un tavolo istituzionale al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il vertice, convocato dal...

Seatrade Cruise Global: Sistema Mar Ligure Occidentale si conferma secondo polo in Italia

giovedì 11 aprile 2019 15:23:21
I porti di Genova e Savona movimenteranno oltre due milioni di passeggeri nel 2019, confermando il Sistema Mar Ligure Occidentale secondo polo in Italia e...

Sea Trade Cruise Global: per Civitavecchia aumento di oltre 125.000 crocieristi nel 2019

giovedì 11 aprile 2019 17:39:52
E' positivo il bilancio per l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale presente all’edizione 2019 del Sea Trade...

Msc Crociere presenta il progetto del nuovo terminal innovativo di PortMiami

mercoledì 10 aprile 2019 15:14:40
Una politica aziendale che mira a una maggiore presenza in Nord America e Mar dei Caraibi anche attraverso infrastrutture innovative: MSC Crociere presenta il...