8 marzo sciopero nazionale, a rischio bus metro e treni

venerdì 2 marzo 2018

Anche quest’anno l’Unione Sindacale di Base ha risposto all’appello di 'Non Una Di Meno' con la proclamazione dello sciopero generale di 24 ore per l’8 marzo, spiegando che “la lotta contro ogni discriminazione di genere e ogni forma di violenza maschile sulle donne è parte sostanziale della lotta complessiva del nostro sindacato”. Per il settore trasporti saranno a rischio metro, autobus, aerei e treni.

Usb ha proclamato uno sciopero nazionale per tutte le categorie: aereo 24 ore: dalle 00.00 alle 23.59; ferroviario 21 ore: dalle 00.00 alle 21.00; tpl e trasporto merci e logistica : 24 ore con modalita' territoriali; taxi: 08.00-22.00
Cub Trasporti, per il settore merci: personale aziende ferroviarie di trasporto merci (rtc, Captrain Italia, Cbb cargo Italy, Db cargo Italy ed altre 8).

A Roma i sindacati Usi, Slai Cobas, Cobas, Confederazione dei Comitati di Base, Usb, Sial Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb, Flc e Cgil incoceranno le braccia con particolari disagi per autobus e metro. Saranno chiuse infatti tutte e tre le linee della metro. Disagi sulle ferrovie Roma-Civitacastellana-Viterbo, chiusa la Roma-Lido, problemi alle linee periferiche gestite dalla società Roma Tpl. Sono comunque previste delle fasce di garanzia fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20.

Ritardi e disagi saranno possibili anche per quanto riguarda il trasporto ferroviario: Trenitalia ha comunicato che problemi e cancellazioni a partire dalla mezzanotte di martedì 7 marzo fino alle 21 dell'8 marzo e potrebbero verificari disagi su tutte le linee, ad eccezione delle Frecce. Lo sciopero riguarderà anche Italo. A Milano a rischio i trasporti di Trenord, Atm e taxi. L’agitazione del personale viaggiante e di esercizio sia di superficie sia della metropolitana è prevista dalle 8,45 alle 15,00 e dalle 18,00 al termine del servizio.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata