Combustibili fossili: entro il 2020 Scania passerà all'energia elettrica

martedì 28 marzo 2017 12:37:16

Scania ha reso noto che entro il 2020 è decisa a diventare indipendente dai combustibili fossili per la produzione di energia elettrica. Ad oggi, il 79% dell’energia elettrica che Scania acquista o produce internamente deriva da fonti non fossili. L’Italia è tra i prossimi Paesi pronti a passare all’energia elettrica senza combustibili fossili.

“Scania, in primis, deve essere pioniera in questo cambiamento. Siamo altamente esigenti nei confronti dei nostri fornitori, chiedendo loro di aderire ai più alti standard ambientali e di implementare le più moderne e innovative tecnologie. Anche molti dei nostri clienti hanno obiettivi ambiziosi dal punto di vista ambientale”, ha evidenziato Anders Williamsson, Executive Vice President e Responsabile acquisti di Scania.

L’impegno del costruttore svedese per guidare il cambiamento verso un sistema di trasporto sostenibile riguarda lo sviluppo di soluzioni di trasporto intelligenti ed efficienti dal punto di vista energetico, ma al tempo stesso comporta anche la razionalizzazione dell’uso di energia per l’azienda stessa. 

Il passaggio all’energia elettrica senza combustibili fossili porta ad una significativa riduzione delle emissioni di anidride carbonica per un’azienda manifatturiera delle dimensioni di Scania. Infatti la trasformazione non riguarda solamente i siti di produzione ma include tutte le operazioni, non ultime le officine per l'assistenza. In Scandinavia l’energia fornita a Scania proviene principalmente da centrali idroelettriche mentre in Francia e Polonia è maggiormente diffusa l’energia solare e eolica.

Nei paesi con mercati liberi di energia, Scania è in grado di procurare energia elettrica senza combustibili fossili utilizzando alternative disponibili per la compensazione del carbonio. L’obiettivo dichiarato è quello di concludere il passaggio all’energia elettrica senza combustibili fossili in tutti i mercati in cui è presente questa alternativa entro il 2020. Ad oggi, il 79% dell’energia elettrica che Scania acquista o produce internamente deriva da fonti non fossili. I prossimi Paesi pronti a passare all’energia elettrica senza combustibili fossili sono, tra gli altri Italia, Olanda e UK.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Industriali

Altri articoli della stessa categoria

Schwarzmuller presenta il semirimorchio ribaltabile in Hardox 500 e telaio in acciaio Welded da 6.1 ton

mercoledì 24 giugno 2020 17:20:37
Schwarzmuller lancia il nuovo allestimento ribaltabile con vasca in Hardox 500 su telaio in acciaio Welded da 6,1 ton specificatamente configurato per il...

Rimorchi e Semirimorchi: a maggio recupero apparente

martedì 23 giugno 2020 16:04:42
Il mercato dei Rimorchi e Semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t che – per il mese di maggio 2020 – indica una perdita...

Napolitrans inagura la nuova sede a Eboli con la consegna di 60 veicoli Scania

lunedì 22 giugno 2020 15:58:29
L'azienda Napolitrans ha inaugurato la nuova sede di Eboli e festeggiato la consegna di 60 veicoli Scania da parte della concessionaria Diesel Tecnica. ...

Mercato autocarri a maggio -41,3%, autobus -69,2%

lunedì 22 giugno 2020 19:34:09
Nonostante la riapertura dei concessionari e delle reti di vendita a inizio maggio e il progressivo allentamento delle misure restrittive anti Covid-19, il...

Scania: 6 nuovi autocarri per Anas per operazioni e viabilità invernale

giovedì 11 giugno 2020 10:16:23
Scania ha consegnato ad Anas 6 veicoli  P 360 B6X4*4HA, allestiti con innovative attrezzature invernali prodotte da Bucher Municipal Italia, presso le...