Sardegna: economia del mare e opportunità di crescita, convegno a Cagliari

giovedì 8 settembre 2016 14:57:44

Secondo l'ultimo rapporto sull'Economia del Mare di Srm (Studi e Ricerche per il Mezzogiorno) presentato il 7 settebre 2016 a Cagliari nel convegno “L’economia del mare: Opportunità concreta per lo sviluppo economico della Sardegna" l'isola può cogliere meglio di altri le opportunità che si aprono. 

Il capoluogo sardo è il secondo porto italiano per movimentazione di rinfuse liquide, con 28,3 milioni di tonnellate, e il terzo per quella di merci, con 41 milioni di tonnellate. Lo scalo sardo occupa il quinto posto per container, con 748mila Teu movimentati, e il decimo per numero di crocieristi, con 267mila passeggeri, cresciuti del 226% dal 2014. Aumenta (+22%) anche il trasporto di autoveicoli. Sul segmento Ro-Ro la Sardegna movimenta il 10,7% del traffico italiano.


Pierluigi Monceri, direttore regionale Intesa Sanpaolo per Lazio, Sardegna, Toscana e Umbria ha commentato: “L’analisi di SRM e la conoscenza delle dinamiche economiche della regione danno grande evidenza ed importanza al ruolo strategico dell’economia del mare, intesa in tutte le sue declinazioni. Il sistema portuale di Cagliari è uno dei più importanti in Italia ma presenta ancora grandi possibilità di crescita. E’ uno sviluppo assolutamente necessario per assicurare all’Isola tutte le opportunità di crescita e rafforzare la sinergia con altri comparti, in particolare con quello turistico, e per favorire la spinta all’internazionalizzazione per il settore agroalimentare e manifatturiero. Considerato che a Cagliari l'83% dei container è in transito e genera un fatturato di 185 milioni di euro, se ipotizzassimo di lavorare la metà di quei container, ovvero 308mila, avremmo un fatturato di 895 milioni di euro."

Non è un caso che il 93% dell'import-export dell'Isola, per un valore di 10,8 miliardi di euro (pari a un terzo del Pil della Regione) avvenga via mare (principali aree di riferimento: Medio Oriente e Nord Africa). Il ribasso del prezzo del petrolio greggio ha tuttavia condizionato il trend dell'ultimo periodo: il volume degli scambi nel primo trimestre 2016 è stato pari a 1,5 miliardi di euro, quasi la metà rispetto ad analogo periodo nel 2015. Il porto di Cagliari è comunque in salute: terzo in Italia per merci (41 milioni di tonnellate nel 2015) e quinto per container (748mila nel 2015, erano circa 300mila nel 2008).

“La nostra ricerca evidenzia che nonostante il contesto di instabilità politica, il Mediterraneo è sempre più centrale nelle rotte globali e nelle strategie degli operatori marittimo-portuali. - ha dichiarato il direttore generale Srm Massimo Deandreis - La nostra ricerca evidenzia che nonostante il contesto di instabilità politica, il Mediterraneo è sempre più centrale nelle rotte globali e nelle strategie degli operatori marittimo-portuali. Questo grazie al nuovo Canale di Suez, al crescente ruolo della Cina ed al recente allargamento del Canale di Panama che avrà impatti anche per noi. La Sardegna per la sua posizione geografica può, meglio di altri, cogliere le opportunità che si aprono e accettare la sfida competitiva che arriva da altri porti mediterranei. Puntare con più convinzione sul cluster marittimo e sull’attuazione della riforma Delrio diventa quanto mai strategico per una regione che ha il 93% del suo interscambio via mare e dove, ogni anno, passano dai suoi porti oltre mezzo milione di turisti”.

"C'è una certa differenza tra lavorare un container e limitarsi a trasferirlo - osserva l'assessore ai Trasporti Massimo Deiana - come Regione siamo al lavoro perché almeno un terzo sia lavorato in regime di zona franca". Per farla decollare, precisa, "abbiamo già stanziato le prime risorse". In forte crescita (+226%) sempre nel Porto di Cagliari, anche il numero dei passeggeri, 267mila, e degli autoveicoli (+22%). Per il direttore generale di Studi e ricerche per il Mezzogiorno, Massimo Deandreis, "puntare con più convinzione sulle imprese del cluster marittimo e sull'attuazione della Riforma Delrio, che riorganizza 57 porti di rilevanza nazionale in 15 nuove Autorità portuali, diventa quanto mai strategico per una regione dove, ogni anno, passano dai suoi porti oltre mezzo milione di turisti".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Cruise 2030, il lavoro del gruppo presentato alla platea mondiale del Cruise, Ports and Cities

giovedì 20 febbraio 2020 13:35:54
Cruise 2030, rappresentato dal presidente dell’Autorità di Sistema Portuale veneziana Pino Musolino, ha partecipato alla conferenza internazionale...

Trieste primo porto d'Italia con 62.000.000 tonnellate movimentate

giovedì 13 febbraio 2020 14:29:51
Trieste si conferma primo porto d’Italia nel 2019 con 62.000.000 tonnellate movimentate, a cui si aggiungono 4.000.000 dello scalo di Monfalcone....

Nautica: innalzata a 900cc la cilindrata limite per la conduzione senza patente

giovedì 13 febbraio 2020 16:51:50
Innalzato a 900cc il limite di cilindrata ammesso per la conduzione senza patente nautica per i fuoribordo 2 tempi a iniezione diretta di carburante."Grazie a...

Gruppo Onorato Armatori: escursioni in Sardegna scontate per i viaggiatori del gruppo

mercoledì 12 febbraio 2020 14:29:21
Il Gruppo Onorato Armatori rinnova la partnership con il portale Escursi.com contribuendo alla valorizzazione dei territori raggiunti dalle sue...

Apm Terminal Vado Ligure: approda la prima portacontainer

mercoledì 12 febbraio 2020 15:34:09
E' approdata all'APM Terminals di Vado Ligure la M/V Maersk Kotka, prima delle sette navi del servizio ME2 di Maersk che collega il Mediterraneo con il Medio...