Fercam: nuova unità produttiva in Tunisia

CONDIVIDI

venerdì 23 novembre 2012

L’azienda altoatesina di trasporti e logistica Fercam, a distanza di qualche anno dalla costituzione di una società in Marocco, ha lanciato una seconda unità produttiva nell’ Africa del Maghreb,  in Tunisia, con sede a Rades, città portuale vicino alla capitale Tunisi.
“Abbiamo scelto Tunisi, perché questo paese da sempre funge da piattaforma commerciale di transito per i traffici da e per i tre paesi maghrebini  Tunisia, Algeria e Libia - fa sapere il responsabile dell’area per il gruppo, Jano Ingallinera -. Tramite i porti del Nord Tirreno ma anche della Catalogna in Spagna verranno convogliati i flussi di traffico e trasportati le merci con i nostri semirimorchi in apposite navi RoRo”.
La nuova società è controllata in parti uguali da Fercam Italia e Fercam Spagna e con un terzo socio tunisino. La legge locale impone ad investitori esteri la partecipazione di un partner locale. “Per noi il partner locale è comunque voluto e molto utile in quanto permette di conoscere più velocemente gli usi e costumi locali oltre a provvedere ai necessari contatti in loco”. La società è già operativa e offre servizi di trasporto a carico completo ma anche di singoli colli o palette oltre a spedizioni aeree e marittime e gestione della logistica in loco per conto terzi grazie ad un proprio centro logistico. Oltre ai traffici dalla Tunisia per l'Europa e viceversa, Fercam Tunisi offre trasporti da e verso i mercati della Libia e dell'Algeria.
I paesi del Nordafrica dopo la “primavera politica araba” dell’anno scorso hanno subito grandi cambiamenti che hanno portato a imprevedibili  e nuove evoluzioni sia sul piano politico che socio-economico.
Con un valore dell’interscambio commerciale di 57.7 miliardi di euro nel 2011, l’Italia è il principale partner commerciale dell’Area Med, davanti alla Germania e alla Francia. Le previsione di crescita per i prossimi anni sono positive e si attestano mediamente sul 4% annuo. L’Italia è il naturale ponte logistico per il Nord Africa non soltanto per le merci prodotti in Italia, ma anche per quelle di tutti i paesi del Nord Europa. Con i porti del mare tirrenico da Genova fino a Napoli, l’Italia presenta la rete portuale più vicina ai porti nord africani.


 

 

 

 

Tag: fercam, Turchia

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Green Deal Turco: il piano per la progettazione di zone industriali verdi

Obiettivo green per la Turchia: al via zone e regioni industriali verdi come parte del piano d'azione Green Deal dell'Unione europea, che mira a rendere l'Europa il primo continente a impatto zero...

Turchia, pronta la Road Map del Green Deal

Pubblicato  il 16 luglio  dal Ministero del Commercio Turco, il piano dettagliato per adeguarsi agli standard del Green Deal europeo,  in particolare nei settori esportatori. “Il...

Veicoli elettrici: la Bers finanzia 650 milioni per la produzione di Ford Otosan

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) finanzia l’azienda turca Ford Otosan con un prestito di 650 milioni di euro per la  produzione di una gamma di varianti ibride...

La Turchia guida gli investimenti ad impatto

L’impact investing è una nuova generazione di investimenti che contraddistingue l’investitore per il suo scopo sociale, sull’assunto che i capitali privati possano...

CeSPI: Italia-Turchia, un interscambio commerciale per oltre 18mld di dollari

L’economia della Turchia sta vivendo una fase di grande sviluppo sotto molto profili. Le opportunità di investimento per i Paesi europei sono molteplici e l’Italia, in...

Turchia, macchinari: opportunità di investimento per un settore che registra una crescita del 25%

Si è svolto ieri il webinar “Turchia: focus sul settore macchinari”, organizzato dall’area internazionalizzazione di Confindustria Bergamo, in collaborazione con...

Turchia: la crisi dei chip non ostacola l’impennata delle esportazioni automobilistiche

La Turchia continua a portare avanti con successo le proprie esportazioni nel settore automobilistico, nonostante la carenza globale di semiconduttori che ha afflitto l'industria negli ultimi tempi....

L'aeroporto di Istanbul è il primo a guadagnare il riaccreditamento ACI

L'aeroporto di Istanbul in pole position per il riaccreditamento ACI sulle misure sanitarie, come annunciato il 6 luglio dagli Airports Council International (ACI) World e ACI EUROPE. L'aeroport...