Economia del mare: Confitarma chiede una cabina di regia e sinergia tra tutti gli attori

CONDIVIDI

lunedì 16 novembre 2020

“Occorre prendere coscienza del fatto che il mare per noi è fondamentale. Purtroppo  abbiamo perso terreno nei confronti dell'estero". Lo ha detto Mario Mattioli, presidente di Confitarma, nel corso della seconda giornata del mare organizzata da Limes.
"L’allarme lanciato dalla logistica nazionale - che sconta un gap di competitività che ha raggiunto i 70 mld di euro – sembra aver dato una scossa al sistema. Ma ancora una volta, l’attenzione agli interessi nazionali sembra essere riservata principalmente agli attori logistici di terra, attenuandosi nei confronti degli operatori marittimi. Eppure, come tutti sappiamo, il Mare è il primo e determinante anello della filiera logistica nazionale”.
“Mi fa piacere sottolineare - ha detto Mattioli – che l’importanza del mare sia stata ormai
riconosciuta anche da Confindustria, che, per la prima volta ha nominato un vice presidente con specifica delega all’economia del mare”.

Eppure “il nostro Paese lascia una componente socio-economica così importante senza una guida unitaria, una cabina di regia che sappia regolare i diversi interessi mettendoli a fattor comune per il bene della società. Ci deve essere sinergia tra tutti gli attori – istituzioni e industria - dell'economia blu perché siamo tutti connessi. Ora dobbiamo allearci, e far sì ci sia una cabina di regia che parli con una voce sola, altrimenti si complica invece di semplificare”.

“Sottolineo che la sfida che nelle prossime settimane attende la nostra Amministrazione- ha
concluso Mario Mattioli - è fondamentale per la marittimità nazionale. Mi riferisco
all’estensione dell’impianto normativo del Registro Internazionale e della Tonnage Tax alle
bandiere comunitarie, come richiesto dalla Commissione, che dovrà essere necessariamente perimetrato limitando i beneficiari alle sole compagnie armatoriali ubicate in Italia, così tutelando la rotta dell’interesse nazionale, della sua industria e del suo indotto”.

Tag: blue economy, confitarma

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Confitarma: nella transizione ecologica il Governo non lasci indietro comparti importanti dello shipping

Nell’ultima riunione del Gruppo di lavoro sulla logistica svoltasi presso il Cnel, presieduta dal consigliere Nereo Marcucci e alla presenza del presidente Tiziano Treu, sono stati auditi i...

Seafuture 2021: Confitarma, trasporto marittimo ruolo cruciale nel Green Deal europeo

“Green e digitale sono le parole chiave che guidano e definiscono gli orientamenti per gli investimenti dell'UE in ricerca e innovazione nei prossimi anni. Il successo del Green Deal europeo...

Federazione del Mare e Cluster BIG insieme per promuovere l'economia blu

Adottare iniziative per promuovere specifiche attività per la divulgazione verso il grande pubblico del valore dell’economia blu e favorire la coscienza pubblica di tutti gli aspetti del...

Confitarma: supportare la flotta italiana nella transizione ecologica

Alle audizioni presso le Commissioni riunite della Camera dei Deputati IX (Trasporti, poste e telecomunicazioni) e VIII (Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici) del 27 settembre (ne avevamo...

Sicurezza marittima, Confitarma: parti civili e militari devono cooperare in sinergia

"Garantire la libertà dei mari e la libera circolazione del traffico marittimo, soprattutto a tutela degli equipaggi delle nostre navi, è possibile solo se tutte le parti interessat...

Blue economy: un incontro Italia-Tunisia per rafforzare la cooperazione

Si è tenuto nei giorni scorsi il primo incontro virtuale Italia-Tunisia Towards the States-General of the Blue-Economy in the Mediterranean: a roadmap between Italy and Tunisia, organizzato...

Mediterraneo: le opportunità della blue economy per l'Italia

Il mare assorbe più di un terzo dell’interscambio italiano e i porti del Mezzogiorno incidono su quasi la metà del traffico nazionale. Il Mediterraneo è quindi una grossa...

Confitarma: ottenuta la proroga per l'impiego di guardie giurate a bordo contro la pirateria

Prorogato al 31 marzo 2022 il regime di deroga che autorizza l’impiego a bordo delle navi italiane di guardie giurate per servizi antipirateria. Lo ha annunciato Confitarma che aveva richiesto...