Audi estende la tecnologia mild-hybrid alle gamme benzina e diesel di Audi A4, Audi A5 e Audi Q5

CONDIVIDI

lunedì 9 novembre 2020

Audi amplia l'offerta nel campo dell'elettrificazione. Grazie all’entrata a listino del nuovo propulsore V6 3.0 TDI da 286 CV con sistema MHEV a 48 Volt, la tecnologia mild-hybrid viene estesa integralmente alle gamme benzina e diesel di Audi A4, Audi A5 e Audi Q5, incluse le versioni sportive S TDI. Ai vantaggi in termini di mobilità e fiscalità connessi con l’omologazione ibrida si accompagnano consumi ed emissioni ridotti.

Audi A4 nelle configurazioni berlina, Avant e allroad quattro, Audi A5 nelle declinazioni Sportback, Coupé e Cabriolet così come la nuova generazione di Audi Q5 sono proposte esclusivamente con propulsori benzina e diesel dotati della tecnologia mild-hybrid a 12 o a 48 Volt. Si aggiungono le varianti sportive Audi S4 e Audi S4 Avant TDI, oltre ad Audi S5 Sportback e Audi S5 Coupé TDI, dotate del possente V6 3.0 TDI assistito dal sistema MHEV a 48V e dalla doppia sovralimentazione mediante turbocompressore e compressore ad azionamento elettrico.

Cuore del sistema mild-hybrid a 12 e a 48 Volt, condiviso dall’intera gamma media Audi fatta eccezione per le varianti g-tron a metano di Audi A4 Avant e Audi A5 Sportback, è l’alternatore-starter azionato a cinghia (RSG) collegato all’albero motore che, nelle fasi di decelerazione, recupera energia, successivamente immagazzinata nella specifica batteria agli ioni di litio e veicolata ai dispositivi integrati nella rete di bordo. Quando il conducente rilascia il pedale dell’acceleratore in un ampio range di velocità, le vetture assistite dalla tecnologia MHEV possono avanzare per inerzia (veleggiare) a motore acceso o spento per un massimo di 40 secondi.

La tecnologia mild-hybrid a 12 o a 48 Volt, anche denominata “ibrido leggero”, beneficia di vantaggi fiscali e di mobilità connessi all’omologazione ibrida: si accompagna a molteplici soluzioni tecniche, spaziando – all’interno della gamma media Audi – dall’alimentazione a benzina a quella Diesel, dal frazionamento dei propulsori a quattro o a sei cilindri sino alle trasmissioni a doppia frizione S tronic a 7 rapporti o tiptronic con convertitore di coppia a 8 rapporti.
Tutti i propulsori a listino di Audi A4, Audi A4 Avant, Audi A4 allroad quattro, Audi A5 Sportback, Audi A5 Coupé, Audi A5 Cabriolet, Audi S5 Cabriolet TFSI e Audi Q5 rientrano nei valori limite previsti dalla più recente normativa antinquinamento Euro 6d-ISC-FCM (WLTP 3.0). Un obiettivo cui concorre, nel caso dei motori Diesel di 2 litri, il nuovo sistema SCR twin-dosing con doppia iniezione d’urea, particolarmente funzionale per l’abbattimento degli ossidi di azoto (NOx).

Il nuovo propulsore 3.0 (50) TDI quattro tiptronic 286 CV MHEV 48V, “tassello” che completa il mosaico dell’elettrificazione della gamma media Audi, è caratterizzato da un’architettura a 6 cilindri a V e da soluzioni high-tech quali i circuiti di raffreddamento separati per basamento e testate, le fasce elastiche e gli spinotti dei pistoni concepiti per garantire il minimo attrito oltre alla pompa dell’olio dalla portata totalmente variabile. Forte di 620 Nm di coppia sin da 1.750 giri/min e garante di prestazioni sportive abbinate a un’elevata efficienza, consente a nuova Audi Q5 3.0 (50) TDI quattro tiptronic di scattare da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi e raggiungere una velocità massima di 240 km/h a fronte di consumi nel ciclo combinato WLTP di 8,3 – 8,8 litri ogni 100 chilometri e di emissioni di 216 – 230 grammi/km di CO2. Audi Q5 3.0 (50) TDI quattro tiptronic è proposta negli allestimenti S line ed S line plus, dalla caratterizzazione sportiva, con prezzi a partire da, rispettivamente, 70.400 euro e 72.500 euro.

L’evoluzione 100% mild-hybrid della gamma media Audi rientra nel più ampio programma di elettrificazione dell’offerta dei quattro anelli. Una roadmap che prevede, entro il 2025, l’introduzione di 30 modelli a elevata elettrificazione, dei quali 20 a zero emissioni, e la disponibilità di una variante elettrica o ibrida plug-in per ogni modello a listino. Ogni veicolo non PHEV dotato di un motore a combustione sarà dotato della tecnologia MHEV. Innovazioni che consentiranno al Brand di ridurre del 30% – rispetto al 2015 – le emissioni di CO2 dell’intero ciclo di vita delle proprie vetture e che preludono, nel lungo termine, a un bilancio carbon neutral di tutte le attività del Brand entro il 2050.

Tag: audi, auto ibride, benzina, diesel, emissioni co2

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Acea: raddoppiano le immatricolazioni di auto elettriche in Europa

Ci sono ottime notizie sul fronte della progressiva elettrificazione del parco mezzi Ue. Lo conferma Acea: le vendite di veicoli elettrici in Europa nel terzo semestre del 2021 sono più che...

Audi: pronto il prototipo elettrico per Dakar 2022

È da meno di un anno che Audi ha deciso di dedicarsi al progetto Dakar, eppure la casa dei Quattro Anelli ha iniziato i long test di RS Q e-tron, il prototipo elettrico con range extender che...

Veicoli elettrici: la Bers finanzia 650 milioni per la produzione di Ford Otosan

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) finanzia l’azienda turca Ford Otosan con un prestito di 650 milioni di euro per la  produzione di una gamma di varianti ibride...

Lamborghini pronta all'elettrificazione: nel 2023 Aventador diventerà ibrida plug-in

In controtendenza rispetto a un mercato messo gravemente in crisi dal Covid-19, Lamborghini continua la sua corsa, apprestandosi a chiudere un 2021 di performance di vendita straordinarie. Massimo De...

Veicoli elettrici a batteria: Scania pubblica una valutazione dell'impatto ambientale

La produzione del veicolo elettrico a batteria comporta un maggiore impatto ambientale, soprattutto a causa della realizzazione delle celle batteria, attività altamente energivora. Nonostante...

Gruppo Renault e STMicroelectronics insieme per l'elettronica di potenza

Il Gruppo Renault ha deciso di migliorare la performance energetica delle applicazioni per i suoi veicoli elettrici e ibridi basandosi sulle tecnologie e sui prodotti semiconduttori ad ampio gap di...

Stop benzina e diesel in Ue, Acea: no allla cultura del divieto

L'Acea, Associazione europea dei costruttori auto, è intervenuta sul dibattito in vista della revisione degli standard di CO2 per auto e furgoni prevista per il mese prossimo (ne avevamo...

Ue: dal 2035 possibile stop per la vendita di auto a benzina e diesel

Il 2035 potrebbe essere l'ultimo anno in cui le case automobilistiche sarannno autorizzate a vendere auto a benzina o diesel in Europa. Un nuovo punto del Pacchetto clima del 14 luglio dell'Unione...