Firmato contratto di affidamento per la realizzazione dell’ Hub Portuale di Ravenna

CONDIVIDI

giovedì 5 novembre 2020

Firmato questa mattina il contratto di affidamento per la realizzazione del Progetto “Hub Portuale di Ravenna”. Il compito di avviare l’opera, strategica per il territorio in cui sorgerà, sarà del general contractor che nel giugno scorso si è aggiudicato l’appalto, il raggruppamento temporaneo d’Imprese composto dal Consorzio Stabile Grandi Lavori Scrl, guidato dalla R.C.M del gruppo Rainone e di cui fa parte anche l’impresa belga Dredging International (e per la parte progettuale da Technital spa, Sispi Srl, F&M Ingegneria Spa).

I lavori di questa prima fase del progetto, del valore complessivo di 235 milioni euro –  finanziati da CIPE, Banca Europea degli Investimenti, Unione europea (Innovation and Networks  Executive  Agency) e dalla stessa Autorità di Sistema Portuale – consistono nell’escavo di 5 milioni di metri cubi di sedimenti, per approfondire i fondali del porto sino a -12,5 mt, nel rifacimento del primo lotto di banchine esistenti (per oltre 6,5 km) per adeguarle ai nuovi fondali e nella realizzazione di una nuova banchina della lunghezza di oltre 1.000 mt in Penisola Trattaroli a servizio di una nuova area portuale da destinarsi principalmente a Terminal Container.

“Il difficile contesto storico in cui ci avviamo a realizzare questo intervento di rilevanza europea – hanno commentato Elio ed Eugenio Rainone, alla guida della Rcm Costruzioni – sarà per noi di ulteriore stimolo perché sentiamo la responsabilità di confermare l’impegno e la volontà di un’Italia che non può fermarsi, che non può arretrare, che vuole progettare il suo futuro e crescere”.

Si sta ora procedendo verso la realizzazione della fase II che prevede l’adeguamento delle banchine, l’approfondimento dei fondali a -14,50 mt e la realizzazione di un impianto di trattamento dei materiali risultanti dall’escavo. Il progetto definitivo è stato redatto e nel corso del 2021, dopo aver ottenuto le relative autorizzazioni ambientali, sarà posto a bando di gara.

A seguire, nel pomeriggio, in Prefettura la firma di un Protocollo di Legalità sottoscritto al fine di garantire l’attuazione di idonee misure volte alla prevenzione e repressione della criminalità e dei tentativi di infiltrazione mafiosa per tutta la durata dell'appalto. Il Protocollo di Legalità, firmato dal prefetto, Enrico Caterino, dal presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico centro settentrionale, Daniele Rossi, dal rappresentante del general contractor, Umberto Esposito, e, relativamente all’art. 10 del Protocollo, riguardante il monitoraggio dei flussi di manodopera, anche dalle Organizzazioni Sindacali e dall'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Ravenna - Forlì-Cesena, è stato sottoscritto alla presenza anche della ministra De Micheli e del presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, collegati in videoconferenza, nonché del sindaco di Ravenna, Michele de Pascale.

Tag: porto di ravenna, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Digitalizzare il trasporto marittimo: Tim e Confitarma siglano un accordo di collaborazione

Per rispondere alle sfide del PNRR il settore del trasporto marittimo deve intraprendere un percorso di sinergia tra la transizione ecologica e quella digitale, rivolgendo particolare attenzione alle...

Porto di Bari: via al bando di gara per la realizzazione del nuovo terminal passeggeri

Un nuovo terminal moderno e funzionale che si svilupperà su una superficie di circa 3.000 mq. La caratteristica principale dell’edificio sarà la sua polifunzionalità: oltre...

Al porto di Civitavecchia la nave portacontainer più lunga mai ormeggiata

Continua il processo di sviluppo e ampliamento dei traffici nel porto di Civitavecchia, che punta a crescere ulteriormente tra i più importanti scali del Mediterraneo, oltre che per le...

Governance, riforme e semplificazioni: Confindustria presenta Progetto Mare

L’Economia del Mare è un comparto sul quale è più che mai necessario elaborare una strategia complessiva e specifica, valorizzandone le singole e già rilevanti...

Porti dell’Adriatico centrale: traffico merci in aumento rispetto ai numeri pre Covid

Dati più che positivi i per il traffico merci dei porti di Ancona e Ortona nel primo trimestre 2022, che registrano una netta crescita anche rispetto al periodo precedente alla pandemia....

Approvata la legge Salvamare: i pescatori potranno portare a terra la plastica recuperata con le reti

Giornata storica per il mare: Marevivo e Federazione del Mare, insieme ad Assonave, Assoporti, Confindustria Nautica, Confitarma, Federpesca, Lega Navale, Lega Italiana Vela, Stazione Zoologica Anton...

Ucraina: 500 marittimi bloccati a bordo delle navi nei porti nel Mar Nero e nel Mar d'Azov

500 marittimi sono ancora a bordo di 109 navi bloccate nei porti ucraini o nei mari vicini. Lo ha reso noto l’ICS – International Chamber of Shipping che chiede la conservazione dei...

Vado Ligure: operativa la seconda aerea di scambio del nuovo Container Terminal

A disposizione degli autotrasportatori 17 nuove postazioni e una “flotta” di gru di piazzale che operano in modo autonomo e sono supervisionate “in remoto” da operatori...