Civitavecchia Blue Agreement: rinnovato l'accordo per tutelare l’ambiente marino

CONDIVIDI

giovedì 29 ottobre 2020

Rinnovato presso la sede della Capitaneria di Porto il “Civitavecchia Blue Agreement”, ovvero l'accordo che era stato siglato due anni fa per attenuare gli effetti del fumo prodotto dalle navi presenti nello scalo.
Il primo accordo tra l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, la Capitaneria di Porto, il Comune di Civitavecchia e le Compagnie di navigazione operanti presso lo scalo marittimo locale era stato, infatti, sottoscritto nell’estate 2018 a seguito di una collaborazione interistituzionale e con l’obiettivo di tutelare l’ambiente marino e costiero oltre che per contenere i livelli d’inquinamento atmosferico nelle aree urbane, dovuti alle emissioni provenienti dalle navi.

Nel documento sottoscritto questa mattina, le novità più rilevanti sono rappresentate dalla firma di tutte le compagnie crocieristiche che, al pari degli armatori delle linee passeggeri e traghetti, si impegnano ad assicurare emissioni associate all'uso di combustibili aventi un tenore di zolfo inferiore allo 0.1% creando – di fatto - una vasta area SECA (Sulfur Emission Control Area) di 15 miglia nautiche per le navi passeggeri firmatarie, nonché la creazione di un gruppo di lavoro che opererà in funzione dell'utilizzo di nuove tecnologie tendenti a ridurre gli effetti inquinanti. L’accordo produce i suoi effetti sia nelle operazioni di ormeggio che in navigazione, ad una distanza non inferiore alle 15 miglia dalle ostruzioni portuali – unico caso tra i porti italiani - contribuendo così a ridurre l’impatto delle emissioni in atmosfera da parte delle unità navali in arrivo/partenza da Civitavecchia. Si è data, in tal modo, una ulteriore e ancor più incisiva risposta alle richieste dei cittadini sebbene il porto abbia comunque mantenuto, negli ultimi anni, dei livelli di inquinamento dell'aria al di sotto dei limiti prescritti per legge e ciò anche grazie ad un constante monitoraggio e alle azioni poste in essere dall'AdSP che sono state rappresentante nel Documento di Pianificazione Energetica e Ambientale del Sistema Portuale (DEASP).

Soddisfazione per il rinnovo dell’accordo e per l’adesione di nuovi e importanti armatori viene espressa dal Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo: “Con il Civitavecchia Blue Agreement rinnovato prosegue incessantemente il percorso dell’AdSP che punta alla graduale diminuzione dell'inquinamento prodotto dal traffico marittimo. Un percorso che si raggiunge anche portando avanti iniziative volontarie, come l’accordo appena firmato, che sottolineano l’attenzione degli armatori – che oggi ringrazio in particolar modo -, degli operatori e dell’intero cluster portuale nonché delle istituzioni interessate alla tutela dell’ambiente e all’utilizzo sempre più incisivo di fonti di energia rinnovabile. A tal fine, l’AdSP individuerà forme incentivanti a favore degli armatori. Un’altra novità importante del nuovo accordo riguarda la costituzione di un Gruppo di lavoro interistituzionale al quale le Compagnie di navigazione si impegnano ad aderire e teso a promuovere l’utilizzo di celle a combustibile (alimentate con idrogeno o ammoniaca) installate a bordo delle navi che andranno a scalare il nostro porto, al fine di promuovere la creazione presso lo scalo e le sue aree esterne della catena logistica necessaria ad azzerare anche le emissioni di gas clima alteranti associate ai traffici portuali. E questo a vantaggio non solo dell’ambiente nel quale viviamo, ma della nostra salute e, soprattutto, di quella delle generazioni future”.

Soddisfazione condivisa anche dal Comandante della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, Francesco Tomas, per la sensibilità e la responsabilità dimostrate da tutte le parti firmatarie dell’accordo volontario nei confronti di un tema delicato e prioritario come quello della tutela dell’ambiente a beneficio dell’intera collettività. Un impegno che, soprattutto in questo delicato momento che sta attraversando il nostro Paese, costituisce un ulteriore sforzo delle Compagnie aderenti per rendere il porto sempre più competitivo anche sotto l’aspetto ambientale. 

Tag: porto di civitavecchia, ecosostenibilità

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Economia circolare: sulla Bologna-Rimini RFI recupera energia dalla frenata dei treni

Recuperare energia dalla frenatura dei treni per accendere le luci in città. Un progetto ambizioso ma possibile per RFI che realizzerà nella stazione di Forlì, sulla linea...

Settimana Europea della Mobilità: i vincitori dell’edizione 2021

La Commissione europea ha annunciato i vincitori degli EUROPEAN MOBILITY WEEK Awards 2020, del premio per la pianificazione della mobilità urbana sostenibile (PREMIO SUMP) e dell'EU URBAN ROAD...

Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta: nasce la nuova comunità logistica dei porti laziali

Nasce la nuova Comunità logistica portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta (PLC). Le parti firmatarie hanno sottoscritto e condiviso il Memorandum of Understanding (MoU), che fa capo...

Mobilità elettrica: Scania entra in Motus-E per accelerare la transizione verso la sostenibilità

Scania approda in Motus-E, l'associazione che riunisce e rappresenta la filiera della mobilità elettrica. L'azienda svedese ha da poco presentato sul mercato la prima gamma di veicoli ibridi...

Sostenibilità: accordo MSC Crociere e Total per rifornire le navi a GNL

MSC Crociere e Total hanno annunciato un accordo per la fornitura di circa 45.000 tonnellate all'anno di gas naturale liquefatto (GNL) per le future navi da crociera della compagnia alimentate con il...

Renault Trucks presenta i risultati 2020 e la strategia per il trasporto elettrico

In un anno segnato da una crisi sanitaria senza precedenti, più del 90% dei punti vendita e assistenza Renault Trucks hanno continuato a ricevere i clienti e i loro veicoli durante il picco...

Energie sostenibili: il produttore di biogas Sebigas entra nel gruppo Tica

Produrre energia elettrica sostenibile è il primo e più importante obiettivo del Green New Deal, essendo oggi il comparto energetico responsabile del 75% delle emissioni di gas serra a...

Milano: Atm inaugura le prime stazioni di ricarica wireless per i bus elettrici

Sono in fase di installazione i primi charger hi-tech di Atm: postazioni evolute ad alto contenuto tecnologico che, attraverso un comando Wi-Fi, attivano il pantografo che carica in pochi minuti...