Sicurezza stradale, Asaps: nel Decreto Semplificazioni “mini-riforma” del Codice della Strada

CONDIVIDI

lunedì 7 settembre 2020

Nel testo del disegno di legge di conversione del Decreto 'Semplificazioni', approvato in settimana al Senato, sono state introdotte diverse e importanti novità per il Codice della Strada. A segnalarlo è l'Ufficio Studi dell'Asaps, l'Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale, che spiega in una nota: "Si tratta di una vera e propria 'mini-riforma' del Codice, con norme che vanno a risolvere delicate questioni applicative di precedenti provvedimenti normativi, anche con ripercussioni internazionali”.

Il riferimento va in modo particolare ai lavoratori frontalieri alla guida di veicoli con targa straniera quali San Marino, Svizzera, condotti da residenti in Italia da più di un anno, che venivano sequestrati per la riforma del pacchetto sicurezza 2018. Ma le novità prevedono la circolazione degli scooter a tre ruote che potranno tornare a circolare in autostrada e nuove competenze per gli accertatori e ausiliari della sosta, che avranno maggiori poteri di sanzionamento nei divieti di sosta.

Molte proposte – spiega Asaps – sono partite dai comuni italiani, impegnati ad affrontare la nuova mobilità al tempo della pandemia, anche rispetto a una 'mobilità dolce', con provvedimenti storici a tutela dei ciclisti e dei pedoni. E, ancora, una svolta nei controlli velocità nei centri urbani, con autovelox fissi anche sulle strade urbane di quartiere e locali, oggi vietati. Sarà il Prefetto ad autorizzare le nuove postazioni, attraverso una analisi degli incidenti avvenuti e sulle loro cause, anche per tutelare i pedoni e gli utenti vulnerabili.

Il pacchetto a tutela dei ciclisti prevede l'introduzione della 'strada urbana ciclabile' a carreggiata unica – con banchine pavimentate e marciapiedi, con limite di velocità non superiore a 30 km/h – definita da apposita segnaletica verticale e orizzontale, con priorità per le biciclette. E ancora, c’è la novità del 'doppio senso ciclabile' su strade cittadine ove il limite massimo di velocità sia inferiore o uguale a 30 km/h ovvero su parte di una zona a traffico limitato, le biciclette potranno circolare anche in senso opposto all'unico senso di tutti gli altri veicoli, lungo la corsia ciclabile per doppio senso ciclabile presente sulla strada stessa. La facoltà può essere prevista indipendentemente dalla larghezza della carreggiata, dalla presenza e dalla posizione di aree per la sosta veicolare e dalla massa dei veicoli autorizzati al transito. Nascono le 'corsie bici-bus' purché non siano presenti binari tramviari a raso e a condizione che il modulo delle strade non sia inferiore a 4,30 m.

Alcune perplessità in merito ai nuovi provvedimenti sono state sollevate dall'Unione Nazionale Consumatori. "Al di là della perplessità di fare modifiche a rate del Codice della Strada, non organiche e strutturali, che non tengono conto dell'equilibrio generale – ha dichiarato il presidente Massimiliano Dona – non siamo contrari agli autovelox fissi in città, in deroga al decreto legge n. 121/02 che lo consentiva solo su autostrade e strade extraurbane principali, e previo decreto del Prefetto, anche sulle strade extraurbane secondarie ( dove il limite è di solito di 90 km/h) e sulle strade urbane di scorrimento (70 km/h), ma visti i limiti minori di velocità sulle strade urbane, solitamente 50 km/h, non basta che i prefetti li autorizzino come fanno ora. Bisogna che sia il Prefetto a dover fissare il limite di velocità e abbia la responsabilità di decidere l'esatta posizione e non il semplice km della postazione di controllo, troppo spesso piazzato in modo nascosto dai comuni subito dopo una curva e non correttamente segnalato e visibile come prevede il Cds".

Tag: asaps, codice della strada, sicurezza stradale

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Togg e Qualcomm uniscono le forze per potenziare la tecnologia degli smart device elettrici turchi

Nuova collaborazione all'insegna dell'innovazione e della tecnologia. Togg, azienda turca di veicoli elettrici, ha stretto una partnership con Qualcomm Technologies Inc. con l'obiettivo di fornire ai...

Le strade più pericolose del mondo

Le strade più pericolose del mondo sono conosciute per le loro collocazioni inquietanti, le curve tortuose e i grandi dislivelli. Dalla Death Road della Bolivia alla Karakoram...

Il 2023 sarà l’anno della guida autonoma?

La guida autonoma (AD) è destinata a rivoluzionare il modo in cui i consumatori vivono la mobilità, rendendola più sicura, conveniente e piacevole. Con il rapido avanzamento...

Nel 2022 crescono gli incidenti stradali (7,1% ) e aumentano le vittime (11,1%)

I nuovi dati in materia di sicurezza stradale del 2022 non sono positivi. Il confronto con l'anno appena trascorso, il 2021, deve però tener conto delle limitazioni alla...

Ansfisa, bilancio 2022: quasi 3mila controlli su ferrovie, strade, autostrade e metropolitane

L'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e delle Infrastrutture Stradali e Autostradali (ANSFISA) stila il bilancio del primo anno di completa operatività.Nel 2022 i controlli...

Percezione della sicurezza stradale: Roma ultima tra le capitali europee nella classifica di Cyclomedia

Qualità delle strade e rischio incidenti; sicurezza delle piste ciclabili e punti di ricarica per auto elettriche; illuminazione adeguata e attenzione ai disabili. Quanto si sentono sicuri...

Nel 2022 calano gli incidenti causati dai mezzi pesanti sulle strade italiane (-12%)

Netto decremento della percentuale di incidenti causati da mezzi pesanti. Il dato è stato presentato dalla Commissione per la sicurezza stradale nel settore dell'autotrasport...

Incidenti stradali: il 63% dei giovani manda messaggi mentre guida

Gli incidenti stradali rappresentano la prima causa di morte per i giovani dai 15 ai 24 anni. Lo rivela il nuovo rapporto Dekra sulla sicurezza stradale. Le motivazioni sono la scarsa esperienza alla...