Sezione:

Aftermarket: fatturato in flessione nel primo semestre 2020

CONDIVIDI

venerdì 31 luglio 2020

Il fatturato aftermarket registra una flessione a doppia cifra, -27,6%, nel primo semestre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019, che aveva chiuso a -0,6% rispetto a gennaio-giugno 2018. Il dato emerge dal Barometro Aftermarket – rilevazione statistica interna al Gruppo Componenti ANFIA che fornisce un trend indicativo dell'andamento del mercato dei ricambi automotive su base mensile, sia a livello consolidato, sia a livello di singole famiglie prodotto.

Ad un primo trimestre in ribasso del 12,4%, è seguita una contrazione ancora più pesante nel secondo trimestre: - 43,4%.
Guardando all’andamento delle singole famiglie prodotto, tutte e cinque presentano una contrazione a doppia cifra. La flessione più rilevante è quella dei componenti di carrozzeria e abitacolo, che segnano un -49%, dopo un primo semestre 2019 a -7,9% e una chiusura d’anno a -4%. In ribasso del 36,4% i componenti undercar, che avevano riportato un decremento del 3% nel primo semestre 2019 e del 4,9% nell’intero anno, a cui fanno seguito i cali dei componenti elettrici ed elettronici (-33,9%), che nel primo semestre 2019 avevano chiuso a -1,8%, concludendo poi l’anno in risalita (+2,2%) e dei componenti motore (-31,9% dopo il -8,8% di gennaio-giugno 2019 e la chiusura d’anno a -5,6%). La flessione meno pesante, ma comunque significativa, riguarda i materiali di consumo (-17,8%), che invertono la tendenza positiva del primo semestre (+7,2%) e dei 12 mesi dello scorso anno (+9,2%).


"L’impatto della crisi economica e di fiducia di consumatori e delle imprese, tuttavia, non può che riverberarsi anche sull’andamento del nostro comparto, per il quale la situazione rimane piuttosto critica e va a sommarsi ad una fase di incertezza e cambiamento già iniziata prima della pandemia, in conseguenza della transizione tecnologica del settore e di un’evoluzione nell’assetto del mondo della distribuzione aftermarket in Europa - commenta Paolo Vasone, Coordinatore della Sezione Aftermarket del Gruppo Componenti ANFIA -. Per dirla in termini molto concreti se l’elevata anzianità media del parco auto italiano - a fine 2018, l’età mediana era infatti di 11 anni e 3 mesi – fa pensare alla necessità di interventi di manutenzione e riparazione piuttosto frequenti, è pur vero che, stanti le attuali difficoltà, questi sono ridotti al minimo indispensabile, anche considerando che le limitazioni alla mobilità dei cittadini durante i mesi di chiusura hanno abbassato le percorrenze medie dei veicoli".

“A partire dalla seconda metà del mese di giugno - aggiunge Massimo Pellegrino, Responsabile Area Rapporti con le reti indipendenti di distribuzione di ANFIA-Aftermarket – è da segnalare, comunque, un significativo incremento della domanda di ricambi destinati sia alla manutenzione ordinaria che alle revisioni; un trend positivo al momento confermato anche per il corrente mese di luglio. I modelli previsionali analizzati evidenziano una domanda positiva anche per i mesi a venire, grazie ad un maggiore utilizzo dell’auto privata sia per gli spostamenti nel periodo feriale, sia per gli spostamenti casa-lavoro, oltreché per un ritorno alla normalità delle revisioni delle auto che erano rimaste bloccate nei mesi di lockdown”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Auto, Peugeot: buone le quote di mercato nel 2020 anche grazie ai suv

Nonostante la crisi che ha coinvolto il mondo dell’auto, nel 2020 Peugeot ha mantenuto una buona quota di mercato. Soprattutto i suoi modelli più venduti, 3800 e 5800, hanno spinto la...

Auto: l'emergenza Covid-19 sta accelerando il processo di vendita online

Se è vero che, in generale, l’e-commerce è esponenzialmente cresciuto negli ultimi anni, è pur vero che per le spese importanti ci sia ancora un po’ di resistenza ad...

Mercato automotive: confermato il segno positivo a novembre (+10,7%)

Secondo dati Istat, a novembre 2020, la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un aumento tendenziale del 10,7%, mentre chiude i primi undici mesi del 2020 a...

Mercato auto: nel 2020 vendite in calo del 27,93%

Che il 2020 sarebbe stato un anno complicato per il settore auto era chiaro fin dalla primavera. Il comparto, come molti altri settori, aveva subito una flessione netta, soccombendo sotto il peso...

Veicoli industriali: a novembre il mercato cresce a doppia cifra (+21,7%)

Dopo il rallentamento di ottobre, il mercato degli autocarri e dei rimorchi e semirimorchi pesanti torna a crescere a doppia cifra, chiudendo il mese di novembre rispettivamente a +21,7% e +17,5%....

Il 2021 elettrico di Volvo Italia

Il 2021 sarà un anno elettrico e tutte le case automobilistiche stanno preparando la loro offensiva “sostenibile” di prodotto. È anche il caso di Volvo che si appresta a...

100 anni di Mazda, tra segni e simboli

Nel 2020 Mazda, la casa automobilistica giapponese che ha negli ultimi tempi conquistato anche il mercato italiano, ha compiuto i suoi primi 100 anni. A un passo dalla scadenza di questo anniversario...

Auto: da gennaio a novembre crollo per tutti i maggiori mercati europei

La crescita registrata nei mesi estivi sulla scia degli incentivi governativi è solo un ricordo: il mercato dell’auto torna a crollare. E non solo in Italia. Come comunicato da Anfia...