Carta qualificazione conducente e patenti di guida: recepite modifiche introdotte dalla Direttiva UE

CONDIVIDI

lunedì 15 giugno 2020

Con il Decreto Legislativo n. 50 del 10 giugno scorso l’Italia ha recepito le modifiche introdotte dalla Direttiva (UE) 2018/645 alle norme comunitarie in materia di patenti di guida e qualificazione iniziale/formazione periodica per il conseguimento della CQC. Lo rende noto ai suoi associati Anita.

Cosa prevede la direttiva:

  • In caso di trasporto occasionale e non incidente sulla sicurezza stradale non si applica l’obbligo di qualificazione iniziale e periodica disciplinato dalla Direttiva 2003/59/CE e ss.mm. Per “trasporto occasionale” si intende: il viaggio di un veicolo, per la cui guida è richiesta la patente di guida delle categorie C1, C1E, C, CE, D1, D1E, D, DE, svolto da conducenti che non hanno la qualifica di conducenti professionali e purché la specifica attività di autotrasporto non costituisca la fonte principale di reddito. Per “trasporto non incidente sulla sicurezza stradale” si intende: il trasporto non eccezionale svolto in conformità alle pertinenti normative sulla circolazione stradale.
  • Contenuti e modalità di svolgimento dei corsi di formazione. I contenuti dei corsi di qualificazione   materia di sicurezza stradale e sul lavoro, sostenibilità ambientale e innovazione tecnologica vengono aggiornati; confermata la durata di 35 ore della formazione periodica, suddivisa in moduli di almeno 7 ore che, con le modifiche recepite, possono essere a loro volta frazionati in due giorni consecutivi; introdotta la possibilità di fornire in modalità e-learning una parte della formazione iniziale (non è specificato in che misura) e periodica (non più di due ore per ciascuno dei cinque moduli per un totale complessivo di 10 ore), secondo criteri individuati con Decreto MIT; il Ministero stabilirà i criteri con cui riconoscere come parte della qualificazione iniziale e periodica le attività di formazione specifiche già svolte e prescritte da altre normative UE (tra cui rientrano, seppur non in via esclusiva, quelle riguardanti le merci pericolose e il trasporto animali). Nel caso della formazione periodica è espressamente indicato che il risparmio conseguibile non possa essere superiore a uno dei periodi di sette ore stabiliti; i conducenti - cittadini italiani o di uno Stato UE/SEE - che abbiano stabilito nel nostro Paese la propria residenza anagrafica/normale ai sensi dell’art. 118 del Codice della Strada, nonché i conducenti cittadini di un Paese Terzo, dipendenti da un’impresa italiana di autotrasporto, debbano seguire i corsi di qualificazione inziale e periodica in Italia.
  • Attestato del conducente. Devono riportare il codice unionale armonizzato “95”. Gli attestati non riportanti tale codice, che sono stati rilasciati prima dell’entrata in vigore del presente Decreto Legislativo, sono accettati come prova di qualificazione fino al termine di scadenza.
  • Assistenza reciproca degli Stati UE/SEE. Istituita una rete elettronica unionale per lo scambio di informazioni sulle qualificazioni dei conducenti professionali e sui documenti che ne comprovano la titolarità tra le autorità competenti degli Stati UE/SEE.
  • Rete UE delle patenti di guida. Previsto lo scambio di informazioni tra le autorità competenti degli Stati UE/SEE in merito al rilascio, alla conversione, ai duplicati, ai rinnovi di validità ed alle revoche delle patenti di guida.
Tag: anita

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Autotrasporto: accesso alla professione e al mercato, arrivano le disposizioni attuative

Il nostro Paese ha recepito alcune modifiche contenute nel Pacchetto mobilità UE in tema di accesso alla professione e accesso al mercato. I provvedimenti sono contenuti in un decreto...

Tavolo Autotrasporto, Anita: importanti misure aggiuntive ora sciogliere le tensioni in atto

“Diamo atto alla Viceministra Bellanova, che ringraziamo, per aver fatto ogni possibile sforzo per dare risposte concrete e immediate alla categoria sia per quanto riguarda le importanti...

Trasporti e logistica: opportunità di lavoro e formazione nel progetto “Trova la tua strada”

Quali sono le competenze maggiormente spendibili nel mercato del lavoro, le professionalità più ricercate dalle imprese, le opportunità formative più interessanti per...

Condividere progetti, strategie e iniziative legislative: siglato accordo tra Anita e Assologistica

Concordare e condividere le principali attività associative a livello nazionale ed europeo.Portare avanti un’attività condivisa di comunicazione esterna in merito al valore...

Anita: il prezzo del gasolio è aumentato del 22%, imprese al collasso

Anche l'associazione Anita interviene sul dibatto caro gasolio che sta mettendo in difficoltà l'intero comparto dell'autotrasporto. Il prezzo del gasolio per autotrazione, segnala Anit...

Il Tirolo estende il divieto per i pesanti. Anita: le restrizioni generano traffico e danneggiano autisti

Il Governo del Tirolo ha deciso di estendere dalle 7:00 alle 15:00 i divieti di circolazione per i veicoli pesanti nelle giornate di sabato, nel periodo compreso tra il 5 febbraio 2022 e il 5 marzo...

Codice della strada: novità per i veicoli immatricolati all'estero che circolano in Italia

In arrivo modifiche al Codice della strada in adeguamento al diritto europeo. Lo ha comunicato l'associazione Anita. Sulla Gazzetta Ufficiale del 17 gennaio scorso è stata pubblicata la...

Un'autostrada digitale per il Brennero: Anita, il sistema prenotativo avrebbe conseguenze nefaste

Un'autostrada digitalizzata per controllare il volume di traffico sull’asse del Brennero. Il progetto sarà presentato nelle prossime settimane dal governatore altotesino Arno...