Veicoli industriali, Anfia: alta la preoccupazione per gli impatti da Covid-19

CONDIVIDI

venerdì 20 marzo 2020

Rallentamenti della produzione, chiusura di alcuni stabilimenti e blocco dell’iter di immatricolazione sono alcuni delle conseguenze derivanti dall’emergenza coronavirus, che impattano sul mercato dei veicoli industriali.

Anfia auspica che si concretizzino rapidamente le misure attuative a supporto degli investimenti del settore autotrasporto, impiegando le risorse già stanziate dal Decreto legge fiscale (12,9 milioni di euro) e dalla Legge di bilancio 2020 (circa 50 milioni di euro).

L’andamento del mercato

I numeri certamente non significativi nell’evoluzione dello scenario derivante dall’emergenza in corso, mostrano un mercato altalenante: veicoli trainati -23,8%; autocarri +9,7%; autobus: +19,9%.

Gli autocarri perdono nel bimestre (-1,2%) ma nel mese di febbraio si registra un incremento del 9,7%. Per area geografica nel bimestre si registra un calo di immatricolazioni nel Nord Italia e un aumento nelle regioni del Centro e del Sud, Isole comprese. In base al tipo, i trattori stradali rappresentano il 52% del totale dei libretti rilasciati, in calo del 2,3%, mentre gli autocarri rigidi, che sono il 48%, risultano allineati ai volumi di un anno fa. Il mercato dei cava-cantiere conta 323 rilasci di libretti di nuovi autocarri, l’8% del mercato, con un incremento di 39 unità. Guardando alle alimentazioni, sono 291 i nuovi autocarri sulla strada che hanno trazione ad alimentazione alternativa, il 7,25% del mercato, di cui 169 a GNL, 106 a metano e 16 ibridi (gasolio/elettrico).

Rimorchi e semirimorchi pesanti, pesanti, ovvero con ptt superiore a 3.500 kg, registrano una perdita a doppia cifra sia nel bimestre -20,6% sia a febbraio con -23,8%. I cali dei primi due mesi del 2020 hanno riguardato tutte le aree geografiche e in particolar modo il Nord-Est.

Gli Autobus registrano un generale andamento positivo. Nel bimestre +19,9% immatricolazioni, segno positivo per gli autobus e midibus turistici (+61,9%) e per i minibus (+124,1%), mentre chiudono il bimestre in flessione gli autobus adibiti al TPL (-7,7%), e gli scuolabus (-25,7%). Altro dato rilevante riguarda l’alimentazione, ben il 13,6% dei libretti rilasciati nei primi due mesi dell’anno ha riguardato veicoli ad alimentazione alternativa: 88 a metano, 15 ibridi (gasolio/elettrico), 10 GNL, 1 elettrico.

Nel dettaglio del mese di febbraio si registra un incremento del 26,7%, crescita per tutti i comparti a eccezione degli autobus adibiti al TPL (-23,7%): incremento a tripla cifra per gli autobus e midibus turistici (+176,7%) e per i minibus (+100%), mentre gli scuolabus chiudono il mese a +6,1%.

Tag: anfia, coronavirus, rimorchi, semirimorchi

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Mercato dei veicoli rimorchiati in flessione a dicembre 2022

Il Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE ha effettuato una stima del mercato dei veicoli rimorchiati per il mese di dicembre 2022 verso dicembre 2021 sulla base dei dati di immatricolazione...

Mercato rimorchiati: a novembre immatricolazioni in positivo (+5,8%)

Il trend positivo delle immatricolazioni di mezzi trainati si conferma anche a novembre, con il comparto che segna il +5,8% rispetto allo stesso mese del 2021. Lo ha comunicato il Centro Studi e...

Novembre positivo per il mercato degli autocarri (+9,6%), autobus in flessione (13,3%)

Prosegue il trend positivo per il mercato degli autocarri e dei veicoli trainati. Gli autobus, invece, invertono la tendenza e chiudono con un calo a doppia cifra. Lo ha comunicato l'Anfia fornendo...

La filiera industriale del Motorsport in Italia: presentato lo studio ANFIA-Politecnico di Torino

E' stato presentato questa mattina presso il Centro congressi del MAUTO lo studio “La filiera industriale del Motorsport in Italia”, realizzato dalla Sezione Motorsport di ANFIA –...

Mercato autocarri in forte crescita a ottobre 2022: +23,7%

Il mercato veicoli industriali e autobus registra dati positivi a ottobre. L'Anfia registra significativi incrementi a doppia cifra per autocarri e veicoli trainati, mentre gli autobus riportano un...

Anfia, focus mercato veicoli commerciali: nei primi 9 mesi del 2022 calo del 12,3%

Un nuovo focus Anfia fa il punto sui numeri del mercato dei veicoli commerciali leggeri.Nei primi 9 mesi del 2022 il settore segna un calo del 12,3%. Ma nel confronto con lo stesso periodo del 2020...

Accordo Ue target emissioni: Anfia, necessario accelerare la transizione produttiva

La filiera automotive italiana e l’intero sistema Paese è ora di fronte alla necessità di effettuare un rapido cambio di passo. La riflessione arriva dall'Anfia all'indomani...

Anfia: 2021 in ripresa per l'automotive ma le imprese cercano soluzioni al caro energia

Sono oltre 2.200 le imprese della filiera italiana della componentistica, con un fatturato in netta ripresa nel 2021 (+16,7%) e un’apertura sempre più marcata verso powertrain elettrici...