Iata pubblica statistiche 2018: maggiore connettività ed efficienza migliorata

lunedì 5 agosto 2019 15:47:22

I dati pubblicati dall’Associazione internazionale del trasporto aereo in merito ai risultati del settore per il 2018 dimostrano che la connettività aerea globale continua a diventare più accessibile e più efficiente.
Sono stati 4,4 miliardi i passeggeri che hanno volato nel 2018, raggiungendo un’efficienza record con l’l'81,9% dei posti disponibili riempiti. L'efficienza del carburante è migliorata di oltre il 12% rispetto al 2010. Sono 22.000 le coppie di città ora collegate da voli diretti, in aumento di 1.300 nel 2017 e il doppio delle 10.250 coppie di città collegate nel 1998.
Il costo reale del trasporto aereo è più che dimezzato negli ultimi 20 anni (a circa 78 centesimi di dollaro Usa per tonnellata-chilometro di entrate - RTK).
''Le compagnie aeree stanno collegando più persone e luoghi che mai. La libertà di volo è più accessibile che mai. E il nostro mondo è di conseguenza un luogo più prospero - ha dichiarato Alexandre de Juniac, direttore generale e Ceo Iata –. Come per qualsiasi attività umana, ciò comporta un costo ambientale che le compagnie aeree si impegnano a ridurre. Comprendiamo che la sostenibilità è essenziale per la nostra licenza di diffusione dei benefici del trasporto aereo. Dal 2020 limiteremo la crescita netta delle emissioni di carbonio. E, entro il 2050, ridurremo la nostra impronta netta di carbonio a metà del 2005. Questo ambizioso obiettivo di azione per il clima ha bisogno del sostegno dei governi".
Per quanto riguarda il traffico passeggeri, a livello di sistema, i 4,4 miliardi di passeggeri trasportati con servizi di linea significano un aumento del 6,9% rispetto al 2017, che rappresenta ulteriori 284 milioni di viaggi aerei.
Lo sviluppo del segmento dei vettori low cost continua a superare quello dei voli di linea.
Misurata in ASK (available seat kilometers), la capacità delle low cost è cresciuta del 13,4%, quasi raddoppiando il tasso di crescita complessivo del settore del 6,9%. Queste compagnie rappresentavano il 21% della capacità globale nel 2018, rispetto all'11% nel 2004.
Per quanto riguarda i posti disponibili, la quota globale delle compagnie low cost nel 2018 è stata del 29%, riflettendo la natura a corto raggio del loro modello di business. È aumentato del 16% nel 2004.
Circa 52 delle 290 compagnie aeree membri attuali della Iata si classificano come low cost e altre compagnie aeree di nuova tipologia.
Ancora una volta sono state le compagnie aeree della regione Asia-Pacifico a trasportare il maggior numero di passeggeri, con una quota di mercato del 37,1% (1,6 miliardi di passeggeri, con un incremento del 9,2% rispetto ai passeggeri della regione nel 2017). Le compagnie europee hanno coperto il 26,2% di quota di mercato (1,1 miliardi di passeggeri, in crescita del 6,6% rispetto al 2017). La quota di mercato coperta dalle compagnie del Nord America è 22,6% (989,4 milioni di passeggeri, in crescita del 4,8% rispetto al 2017).
Le compagnie dell’America Latina hanno gestito una quota di mercato pari al 6,9% (302,2 milioni di passeggeri, in crescita del 5,7% rispetto al 2017). Le compagnie del Medio Oriente hanno coperto il 5,1% di quota di mercato (224,2 milioni di passeggeri, con un incremento del 4% rispetto al 2017). Quella coperta dalle compagnie africane è la quota di mercato inferiore, 2,1% (92 milioni di passeggeri, in crescita del 5,5% rispetto al 2017).
Le prime cinque compagnie aeree classificate in base al totale dei chilometri passeggeri programmati volati sono state: American Airlines (330,6 miliardi), Delta Air Lines (330 miliardi), United Airlines (329,6 miliardi), Emirates (302,3 miliardi), Southwest Airlines (214,6 miliardi).
Anche nel 2018 le cinque migliori coppie di aeroporti per quantitativo di traffico passeggeri internazionale gestito fanno tutte riferimento alla regione Asia-Pacifico: Hong Kong-Taipei Taoyuan (5,4 milioni, in calo dello 0,4% rispetto al 2017); Bangkok Suvarnabhumi-Hong Kong (3,4 milioni, in aumento dell'8,8% rispetto al 2017); Jakarta Soekarno-Hatta-Singapore Changi (3,2 milioni, in calo del 3,3% dal 2017); Seoul-Incheon- Osaka-Kansai (2,9 milioni, con un incremento del 16,5% rispetto al 2017); Kuala Lumpur-International-Singapore Changi (2,8 milioni, in crescita del 2,1% rispetto al 2017).

Sempre alla regione Asia-Pacifico afferiscono le prime cinque coppie di aeroporti per traffico domestico: Jeju-Seoul Gimpo (14,5 milioni, in crescita del 7,6% rispetto al 2017); Fukuoka-Tokyo Haneda (7,6 milioni, con un incremento dello 0,9% rispetto al 2017); Melbourne-Tullamarine - Sydney (7,6 milioni, in calo del 2,1% rispetto al 2017); Sapporo-Tokyo-Haneda (7,3 milioni, in calo dell'1,5% dal 2017); Pechino Capitale-Shanghai Hongqiao (6,4 milioni, in crescita dello 0,4% rispetto al 2017).
Le cinque principali nazionalità in viaggio su rotte internazionali sono: Regno Unito (126,2 milioni, pari all'8,6% di tutti i passeggeri); Stati Uniti (111,5 milioni, pari al 7,6% di tutti i passeggeri); Repubblica popolare cinese (97 milioni, pari al 6,6% di tutti i passeggeri); Germania (94,3 milioni, pari al 6,4% di tutti i passeggeri); Francia (59,8 milioni, pari al 4,1% di tutti i passeggeri)
Per quanto riguarda il cargo, dopo un 2017 molto positivo, i volumi del trasporto aereo sono cresciuti più modestamente nel 2018 in linea con i volumi commerciali globali. A livello globale, merci e posta trasportate hanno mostrato un'espansione del 3,4% rispetto al 9,7% nel 2017 (valori misurati in FTK). Con un aumento della capacità del 5,2% nel 2018, il fattore di carico delle merci è sceso di 0,8 punti percentuali al 49,3%.
Le prime cinque compagnie aeree classificate in base alle tonnellate di merci trasportate in tonnellate sono state: Federal Express (17,5 miliardi); Emirates (12,7 miliardi); Qatar Airways (12,7 miliardi); United Parcel Service (12,5 miliardi); Cathay Pacific Airways (11,3 miliardi).
Star Alliance ha mantenuto la sua posizione come la più grande alleanza aerea nel 2018 con il 21,9% del traffico totale pianificato (in RPK), seguita da SkyTeam (18,8%) e oneworld (15,4%).


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Focus

Altri articoli della stessa categoria

Iata: emissioni di carbonio per passeggero diminuite di oltre il 50% dal 1990

lunedì 16 dicembre 2019 14:53:32
L’Associazione Internazionale del trasporto aereo (Iata) conferma che le emissioni di carbonio per passeggero sono diminuite di oltre il 50% dal 1990....

Iata: dopo un anno difficile, previsti miglioramenti per il 2020

giovedì 12 dicembre 2019 13:30:19
L'Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) prevede che nel 2020 l'industria aerea globale produrrà un utile netto di 29,3 miliardi di...

Ministeriale ESA: l’Italia raddoppia il budget

giovedì 28 novembre 2019 16:35:19
Arrivano buone notizie per l’Italia dalla Ministeriale ESA, che si è svolta ieri e oggi a Siviglia. La delegazione italiana ha destinato come...

Salvatore Sciacchitano nominato presidente dell’Icao

martedì 26 novembre 2019 11:44:17
L’ingegnere Salvatore Sciacchitano è il nuovo presidente dell’Icao, l’organismo dell’Onu che riunisce le autorità per...

Iata: risultati finanziari relativi al mercato e alle compagnie aeree per il terzo trimestre 2019

lunedì 25 novembre 2019 09:51:48
L’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) ha rilasciato i dati finanziari riguardanti le performance delle compagnie aeree per il terzo...

Iata: dopo un anno difficile, previsti miglioramenti per il 2020


L'Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) prevede che nel 2020 l'industria aerea globale produrrà un utile netto di 29,3 miliardi di dollari, migliorato rispetto a un...