Mercato dei veicoli rimorchiati, primo quadrimestre chiude a -2,3%

CONDIVIDI

lunedì 20 maggio 2019

Segno negativo per il mercato dei veicoli rimorchiati. Nel primo quadrimestre del 2019 si registra un calo del 2,3% nelle immatricolazioni, con aprile allo -0,8%, lo si evince da una elaborazione del Centro Studi e Statistiche di UNRAE, sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Immatricolati 6.760 rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5 t rispetto ai 6.922 dello stesso periodo del 2018.

I dati altalenanti degli ultimi mesi sono – sostiene Sandro Mantella, Coordinatore del Gruppo Rimorchi, Semirimorchi e Allestimenti di UNRAE, l’Associazione delle Case estere – la dimostrazione dei problemi endemici di questo particolare settore. “Da un lato c’è la necessità di rinnovare e orientare a missioni sempre più specifiche i veicoli, anche in considerazione dell’anzianità eccessiva del circolante attuale, che porta conseguenze pesanti soprattutto in termini di sicurezza di trasporto e circolazione. Dall’altro c’è la distrazione, per non dire l’assenza, di chi dovrebbe impostare un piano di sostegno organico e strutturato per dare all’autotrasporto italiano gli strumenti atti a garantire dignità e affidabilità, dunque competitività, alle aziende che vi operano”.

“Un piano del genere non esiste, nonostante le ripetute denunce e richieste fatte da tutti gli operatori del settore - continua Mantella - anzi, non sono ancora stati neppure emanati gli atti normativi necessari per la presentazione delle domande di finanziamento agli investimenti per l’annualità 2019, già previsti dalla legge. Siamo dunque oggi in un momento di totale incertezza di riferimenti per chi desideri investire in veicoli e aggiornare la flotta, guardando alla possibilità di servirsi di idonei strumenti di sostegno”.

“Difficile – conclude - prevedere, in una tale situazione, una ripresa continua, seppure lenta, di un mercato che pure ha molte potenzialità”.

Tag: unrae, immatricolazioni, semirimorchi, rimorchi

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Avvio promettente per il mercato dell'auto (gennaio +19%), previsioni prudenti per l'anno

Il mercato dell'auto ha avuto un avvio promettente per il nuovo anno, con 128.301 immatricolazioni a gennaio, in crescita del 19% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. Nonostante i...

Mercato dei veicoli rimorchiati in flessione a dicembre 2022

Il Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE ha effettuato una stima del mercato dei veicoli rimorchiati per il mese di dicembre 2022 verso dicembre 2021 sulla base dei dati di immatricolazione...

Il mercato dei veicoli commerciali registra un calo a due cifre nel 2022

Nel dicembre 2022, il mercato dei veicoli commerciali ha registrato un calo a due cifre del 14,6% rispetto allo stesso mese del 2021. Secondo un rapporto del Centro Studi e Statistiche dell'UNRA...

Veicoli industriali: nel 2022 mercato in leggera crescita, a dicembre pesanti a +26,7%

Il 2022 dei veicoli industriali si chiude in leggera crescita. L'analisi è del Centro Studi e Statistiche UNRAE sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal ministero delle...

Unrae: noleggio a lungo termine in crescita nel 2022 (+15,8%)

Come sono i dati del mercato del noleggio auto a lungo termine del 2022? Il Centro Studi e Statistiche Unrae ha fornito una nuova analisi sul settore che mostra una crescita del 15,8% nel...

Mercato rimorchiati: a novembre immatricolazioni in positivo (+5,8%)

Il trend positivo delle immatricolazioni di mezzi trainati si conferma anche a novembre, con il comparto che segna il +5,8% rispetto allo stesso mese del 2021. Lo ha comunicato il Centro Studi e...

Si accentua il calo del mercato dei veicoli commerciali: a novembre -18%

Il mercato dei veicoli commerciali a novembre perde il 18,1% delle immatricolazioni, con 12.643 unità (verso 15.443 dello stesso mese 2021). Si accentua quindi la flessione registrata a...

Unrae: le proposte per supportare l’automotive nella transizione energetica e digitale

Numeri “depressi”, che ci riportano al mercato degli anni Settanta, che pongono seri problemi di sostenibilità occupazionale nel medio lungo periodo. Così il direttore...