Cartello camion: le associazioni avviano azione per ottenere il risarcimento

CONDIVIDI

mercoledì 16 gennaio 2019

Un'azione risarcitoria collettiva per il recupero del sovrapprezzo imposto dal cartello dei produttori di autocarri, già sanzionati il 19 luglio 2016 dalla Commissione Europea. L'hanno avviata le associazioni italiane degli autotrasportatori Anita, Assotir, Confartigianato Trasporti, FAI, FIAP, UNITAI, SNA Casa Artigiani, scese in campo per supportare i propri associati.

"Le società di autotrasporto e le imprese che hanno acquistato (o avuto in leasing) i propri autocarri (sia conto terzi che conto proprio) da almeno 6 tonnellate dai costruttori coinvolti (Volvo/Renault, Man, Daimler/Mercedes, Iveco, DAF, e Scania) nel periodo che va da gennaio 1997 a gennaio 2011, hanno potenzialmente diritto al risarcimento e al recupero del sovrapprezzo pagato - spiegano le associazioni in una nota congiunta -. L’azione non comporta alcuna spesa legale per gli iscritti alle associazioni italiane e sarà eseguita in nome e per conto degli stessi da una fondazione appositamente costituita da Omni Bridgeway, il piu’ longevo litigation fund internazionale, che sosterrà tutte le spese legali e gestirà direttamente l’azione, sollevando gli autotrasportatori aderenti dai rispettivi oneri".

Le imprese italiane si uniranno a un’azione europea già instaurata da oltre un anno davanti al Tribunale di Amsterdam da Omni Bridgeway, assistita dallo studio legale Loyens & Loeff, uno dei primari studi legali internazionali per azioni di risarcimento del danno da cartello. La Fondazione sarà supportata da un team di economisti di CEG, società di consulenza internazionale, che valuterà il danno incorso. Lo studio legale Osborne & Clarke Italia assisterà le associazioni italiane e Omni Bridgeway negli aspetti di diritto italiano.

Per facilitare l’adesione a tale azione è stata creata una piattaforma on-line su misura per le associazioni italiane ove gli autotrasportatori e le imprese potranno facilmente caricare i propri dati e documenti a supporto del proprio diritto risarcitorio. A partire da lunedì 21 gennaio 2019 le aziende e le strutture interessate potranno contattare le associazioni di appartenenza per ricevere le informazioni utili per l’adesione all'iniziativa, spiega la nota.

Tag: anita, confartigianato trasporti, fai, fiap

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Brennero, Anita: circolazione in tilt per un incidente, contingentamento pericoloso per la sicurezza stradale

"Il contingentamento non contribuisce in alcun modo a risolvere il problema del traffico, ma si limita a spostare il problema alle regioni vicine. Alla fine, quelli che soffrono sono i conducent...

Vimodrone (MI), Unes: nuova protesta Si Cobas, bloccati magazzino e camion

Dura condanna da parte di Fai (Federazione Autotrasportatori Italiani) nei confronti della manifestazione di protesta organizzata dal sindacato di base Si Cobas presso la piattaforma logistica Unes...

Trasporti internazionali: l’Austria modifica i divieti di transito in Tirolo per carichi e scarichi locali

Con Regolamento austriaco entrato in vigore il 29 ottobre scorso sono state apportate modifiche a 3 diversi provvedimenti di divieto di transito dei veicoli di oltre 7,5 ton per il trasporto di merci...

Autotrasporto: Confartigianato, in Emilia-Romagna cresce la richiesta di autisti

La carenza di autisti in Emilia-Romagna si fa pressante. E' in crescita infatti la domanda di lavoro da parte delle imprese di autotrasporto, che in Emilia-Romagna sono 8.932 di cui il 73,9%...

Anita e Polizia di Stato: un accordo per tutelare gli autotrasportatori

Un accordo per un’azione sinergica e congiunta finalizzata a conseguire più elevati livelli di sicurezza del traffico e della circolazione grazie ad attività formative in materia...

Divieti Brennero, ANITA, FAI e FEDIT: nessun provvedimento dall'Ue, attivato team legale

La questione divieti al Brennero torna al centro dell'attenzione delle associazioni dell'autotrasporto italiano. ANITA, FAI e FEDIT hanno deciso di intraprendere un’azione di messa in mora...

Green pass: Confartigianato Trasporti, il regime alternativo per chi proviene dall'estero penalizza le imprese italiane

Ieri i Ministeri delle Infrastrutture e della Salute avevano diffuso una nota per precisare che gli autotrasportatori provenienti dall’estero possono liberamene circolare senza green pass, a...

Green pass e logistica: Fiap, dal 15 ottobre possibili gravi inefficienze e danni economici

Scaffali vuoti, crisi dei carburanti e blocco delle industrie. Questo, secondo Fiap, è lo scenario economico che potrebbe concretizzarsi nel Paese quando subentrerà, il 15 ottobr...