Emissioni: Gnl, la soluzione sostenibile per ambiente e mezzi pesanti

CONDIVIDI

mercoledì 10 ottobre 2018

La filiera del GNL (Gas naturale liquefatto, metano a circa -160 gradi per essere stoccato liquido) è in grande espansione e per il trasporto pesante sustrada è una grande e attuale opportunità che soddisfarequisiti ambientali - forte abbattimento degli inquinanti - cheeconomici, con i bassi costi di esercizio. Insomma, per un Paese come l'Italia dove l'80% delle merci viaggia su gomma conrelativo inquinamento e congestione stradale, èun'occasione danon perdere. Quindi l'auspicio è che il Governo sostenga lo sviluppo del settore e che si realizzi una rete di rifornimento. Se ne parla oggi a Oil & Non Oil - stoccaggio e trasporto carburanti, la manifestazione nazionale di riferimento per tutti gli operatori della filiera dei carburanti liquidi e gassosi ed el comparto del non-oil, in programma alla Fiera di Verona fino a domani, giovedi 11 ottobre.

Come spiega Giuseppina Della Pepa, segretario generale Anita (Associazione nazionale imprese trasporti automobilistici, aderente a Confindustria), "il peso del trasporto su strada è ancora rilevante, è all'80,1% in Italia, all'83,2% in Francia", per fare degli esempi. Insomma, "nel contesto europeo iltrasporto su strada resta predominante in tutti i Paesi, salvoquelli dell'Est Europa dove la ferrovia storicamente è il metododi trasporto merci più usato", dice Della Pepa. Quindi "ha e avrà un ruolo insostituibile nell'economia e nella societa'". Infatti si prevede "un aumento del 60% del trasporto merci trail 2010 e il 2050, con un +42% dei passeggeri sui bus". 

Ciò detto, "il settore tra i primi deve fare una riflessione, non si può più pensare di procedere in questo modo", auspica il segretario generale Anita. Infatti in Italia "ancora il 9,9% dei trattori stradali è Euro 0, con percentuali simili tra gli altriveicoli pesanti, il 9,6% è Euro 2 e il 23,3% è Euro 3. È quindi necessario che il settore facciaun salto di qualità nel senso di affrontare le sfide del futuroper veicoli piu' puliti e piu' sicuri, una sostenibilità anchee conomica". 

Il ministero delle Infrastrutture e Trasporti per il 2018 ha destinato 9,6 milioni di euro per incentivi riservati aveicoli pesanti a trazione alternativa, "e lo scorso anno unimporto di poco superiore è stato usato tutto - conclude Giuseppina Della Pepa, segretario generale Anita - Noi avremmo voluto di più, e i tempi sono maturi per chiedere un nuovo sforzo al Governo e aumentare gli investimenti per contemperare rispetto dell'ambiente, maggiore sicurezza e sostenibilità economica".

Gli operatori sono pronti, e anche il mercato c'è. "Iveco coni suoi Stralis è stato il primo a entrare nel mercato dei mezzi pesanti a Gnl", spiega Massimo Santori, Institutional Relations CNH Industrial - Iveco. Da questa tecnologia derivano "vantaggiambientali, per la riduzione degli inquinanti, con gli NOx e le PM10 completamente abbattuti, mentre sul fronte della CO2 lariduzione è valutabile tra il 10 e il 15%, una diminuzione già importante che però arriva a quasi il 100% con l'uso di BioGNL".

Ma "ci sono vantaggi anche dal punto di vista dei costi - spiega Santori - per cui la sostenibilità è sia ambientale cheeconomica", tenendo conto che il passaggio a una maggiore sostenibilità "scatta solo se i due fattori entrano in relazione: se c'è il vantaggio economico anche il vantaggio ambientale viene perseguito da operatori che devononecessariamente guardare al portafoglio, e parlando dell'autotrasporto italiano forse più di qualsiasi altra categoria. Noi siamo molto attenti ai costi di esercizio, che con il Gnl si abbattono notevolmente grazie al minore costo e al minor consumo".

Tag: iveco, stralis, tir, ambiente, ecosostenibilità

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Nissan: 15 miliardi di euro per produrre batterie più economiche e potenti

Quanti sono 2 trilioni di yen? Sono 15,65 miliardi di euro ma soprattutto sono la cifra – a dir poco considerevole – che Nissan ha comunicato di voler investire nei prossimi 5 anni per lo...

Rinnovo del parco veicolare: la città metropolitana di Bologna dà il buon esempio

Il nostro parco veicolare, si sa, è uno dei più vetusti d’Europa. L’Italia non brilla certo sotto questo punto di vista, rallentando la tanto agognata transizione ecologica....

Asphaltica, Siteb: riciclo delle strade in crescita, nel 2021 risparmiate 420.000 tonnellate di materie prime

Anche la filiera delle strade si unisce alla grande rivoluzione in atto collegata alla transizione ecologica.  Lo confermano i dati Siteb – Associazione Strade Italiane e Bitumi sul...

Auto elettriche: obbligo di installazione delle colonnine di ricarica in Uk

E se la decarbonizzazione passasse anche attraverso l'obbligo di installare colonnine di ricarica?La corsa all’elettrificazione continua affannosa. L’Europa ci dice che dobbiamo azzerare...

Decarbonizzazione: dal Giappone un'alleanza per salvare il motore termico

E se la decarbonizzazione passasse attraverso la salvaguardia del motore tradizionale, ossia quello a combustione interna? Mentre prolificano prodotti a batteria o a celle a combustibil...

Per Amazon 1.064 veicoli commerciali Iveco S-Way a gas naturale

Amazon ha acquistato da Iveco (gruppo Cnh Industrial) 1.064 veicoli commerciali S-Way alimentati a gas naturale a supporto delle proprie attività europee. Il primo lotto di 216...

Scania lancia la nuova gamma di autocarri 13 litri

Scania ha lanciato la nuova gamma di autocarri 13 litri. Un nuova catena cinematica Scania Super che punta alla sostenibilità con almeno l’8% di risparmio di...

Edison-Iveco: accordo per incrementare e facilitare l’utilizzo del gas naturale liquefatto nell’autotrasporto

Accelerare lo sviluppo della mobilità sostenibile a gas e facilitare ulteriormente la penetrazione del gas naturale liquefatto (Gnl) nel settore del trasporto stradale in Italia. Questi gli...