Leonardo vince la gara per il nuovo elicottero americano

martedì 25 settembre 2018 10:31:56

Importante successo americano per Leonardo. In attesa di sapere come andrà la gara per il T-X che riguarda 350 addestratori e alla quale Leonardo partecipa con il T-100, una versione modificata dell’M-346, la società di piazza Monte Grappa si è aggiudicata la gara per la sostituzione della flotta di UH-1N “Huey”. La US Air Force ha infatti scelto l’elicottero MH-139, basato sull’AW139 di Leonardo e offerto da Boeing in qualità di prime contractor. Il programma ha un valore di circa 2,4 miliardi di dollari e comprende fino a 84 elicotteri, sistemi di addestramento e il relativo equipaggiamento per il supporto logistico. Gli elicotteri saranno destinati alla protezione delle basi dei missili balistici intercontinentali e al trasporto di personale governativo e delle forze speciali USA, con l’ingresso in servizio dei primi elicotteri atteso a partire dal 2021.
“Questo straordinario risultato è per noi motivo di grande orgoglio – ha commentato Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo -. Clienti di primaria importanza continuano a fare affidamento su Leonardo, perché capace di rispondere ai loro più esigenti requisiti. E questo è confermato anche per lo svolgimento di missioni critiche, come la protezione di aree sensibili o per il trasporto di personale governativo e operazioni speciali. La scelta dell’MH-139 riconosce, inoltre, in Leonardo un partner forte, affidabile e in grado di assicurare un contributo industriale solido e costante negli USA dove abbiamo diverse attività produttive”.
L’MH-139 ha superato le aspettative della forza aerea americana in termini di velocità, carico, raggio d’azione, armamento e capacità di sopravvivenza. L’elicottero viene assemblato presso lo stabilimento Leonardo nell’area nordest di Philadelphia, mentre ulteriori componenti saranno integrati da Boeing nel suo stabilimento di Ridley Township, sempre in Pennsylvania.
“Siamo lieti che la U.S. Air Force abbia scelto l’offerta presentata attraverso questa partnership che porterà alla fornitura dei nuovi MH-139 costruiti qui a Philadelphia – ha detto William Hunt, responsabile dello stabilimento Leonardo di Philadelphia -. La nostra forza aerea merita i migliori equipaggiamenti e l’MH-139 è l’elicottero giusto per queste missioni. Siamo pronti a lavorare con Boeing e siamo impegnati a far fronte alle sue aspettative, a quelle del Governo e dei contribuenti americani. Leonardo ha fatto investimenti per oltre 120 milioni di dollari in questo stabilimento e siamo quindi pronti a dare esecuzione del contratto”.

 

 


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Focus

Altri articoli della stessa categoria

Leonardo vince la gara per il nuovo elicottero americano

martedì 25 settembre 2018 10:31:56
Importante successo americano per Leonardo. In attesa di sapere come andrà la gara per il T-X che riguarda 350 addestratori e alla quale Leonardo...

Leonardo: accordo per sviluppare un M-345 per il mercato africano

giovedì 20 settembre 2018 12:25:08
Leonardo potrebbe sviluppare, insieme al gruppo africano Paramount, una configurazione operativa dell’M-345 destinata al mercato africano. Durante il...

Iata: diffuso il Report globale del trasporto aereo 2017. Passeggeri per la prima volta oltre 4 miliardi

giovedì 6 settembre 2018 12:59:40
L’Associazione internazionale del trasporto aereo ha diffuso i dati statistici complessivi relativi al 2017. Per la prima volta il numero annuale dei...

Ecco Tempest, il nuovo caccia inglese di sesta generazione. Dentro Leonardo

martedì 17 luglio 2018 11:20:48
Dovrebbe essere operativo entro il 2035 Tempest, il futuro caccia di sesta generazione inglese, annunciato ieri al salone aerospaziale di Farnborough. Giusto...

Teresa May annuncia un nuovo caccia anglo-italiano, dentro Leonardo

lunedì 16 luglio 2018 16:16:28
All’asse franco-tedesco per lo sviluppo di un nuovo fighter, ha risposto oggi il premier britannico Teresa May che al salone aerospaziale di Farnborough...