Caso Fca: il ministero dei Trasporti contro la Commissione Europea

CONDIVIDI

mercoledì 17 maggio 2017

“Non si condividono i presupposti su cui è stata proposta alla Commissione di avviare una procedura di infrazione al Governo italiano per Fca”. Lo ha detto ieri il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio alla Commissaria per il mercato interno Elzbieta Bienkowska, dopo l'avvio da parte della Commissione Ue di una procedura d’infrazione contro l’Italia per violazione delle norme europee sull’omologazione degli autoveicoli relativamente alle emissioni.
Bruxelles ha avviato il procedimento di infrazione per il mancato adempimento degli obblighi da parte di Fiat Chrysler Automobiles. In base alla normativa europea infatti spetta alle autorità nazionali verificare che un tipo di automobili soddisfi le norme Ue prima che le singole auto possano essere vendute sul mercato unico. Se quegli obblighi vengono violati, tocca sempre all’autorità nazionale adottare misure correttive (ordinando ad esempio un richiamo) o applicare sanzioni.
Nel mirino della Commissione ci sono i software per il controllo delle emissioni inquinanti montati sulla 500X. L’Italia ora ha due mesi di tempo per chiarire se su alcune vetture di Fca sono state usati dispositivi illegali o meno, e se sono stati presi rimedi sufficienti per le auto in circolazione si legge.

Delrio, si legge in una nota del ministero, ha evidenziato “la necessità di rinviare l’avvio della procedura di infrazione, in attesa che si possano fornire ulteriori chiarimenti, oltre alla copiosa documentazione già fornita, peraltro mai richiesti al Governo italiano dopo la chiusura della commissione di mediazione Italia Germania sul caso emissioni Fca da parte dei servizi della Commissione”. Il ministro afferma anche che le spiegazioni fornite in Commissione di mediazione, hanno tra l’altro evidenziato il corretto comportamento dell’Autorità di omologazione e i miglioramenti prodotti autonomamente da Fca sui propri veicoli, pur in assenza di dispositivi illegali.

Il ministro inoltre ha evidenziato che “contrariamente a quanto dichiarato dai vostri uffici, le autorità italiane hanno escluso fin dall'inizio la presenza di dispositivi illegali sui modelli Fiat sia nelle versioni originali sia in quelli ricalibrati. Durante il processo di mediazione abbiamo sottolineato che Fca ha avviato volontariamente una campagna di ricalibratura a febbraio 2016 per migliorare le performance delle emissioni, ben prima che la Germania ci informasse dei risultati emersi dai loro test. Mi è spiaciuto apprendere che nonostante tutte le informazioni dettagliate fornite alla Commissione e alla Germania, intendiate aprire la procedura d'infrazione. Ciò è particolarmente deludente” aggiungendo che nessuna nuova richiesta di chiarimenti è arrivata finora.

Delrio ha concluso infine che “considerato che dopo la fine del processo di mediazione, dagli uffici della Commissione non abbiamo ricevuto nessuna richiesta di ulteriori informazioni rispetto a quelle già fornite nei mesi precedenti si chiede di rimandare l’ avvio della procedura di infrazione in attesa di ricevere una lettera di richiesta di chiarimenti sulle questioni sollevate dai vostri uffici competenti, come concordato durante l'ultima conversazione telefonica”.   

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Ue, presentata la strategia per la mobilità sostenibile e intelligente alla commissione TRAN

Il Commissario europeo ai Trasporti, Adina Valean, ha presentato la strategia per la mobilità sostenibile e intelligente alla commissione TRAN del Parlamento europeo. Confartigianato Trasporti...

Auto aziendali, una nuova indagine sui cambiamenti delle flotte: prevista crescita degli ibridi

Nel 2021 avere una vettura con alte emissioni di CO2 costerà caro ai dipendenti delle aziende. È questo uno dei dati più significativi emersi dalla instant survey “Flotte...

Ue: Italia terzo Paese per dimensioni della flotta di tir dopo Polonia e Germania

Dati Acea (Associazione europea dei costruttori di automobili) hanno rivelato che l'Italia è la terza nazione Ue per dimensioni della flotta di tir. Con quasi 1,2 milioni di camion, la...

Covid-19: la Commissione Ue chiede una nuova proroga per patenti e attestati scaduti

La Commissione Europea ha presentato una proposta per estendere la validità di patenti, attestati e certificati. Lo ha comunicato Confartigianato Trasporti. Come già fatto in aprile...

Brexit: conseguenze e nuove prospettive per l'autotrasporto

Con l'arrivo del 2021 finisce il periodo di transizione fra Unione europea e Regno Unito e comincia una nuova fase di rapporti commerciali in Europa. Una situazione che ha ripercussioni sulle...

Brexit, gli autotrasportatori inglesi non sono pronti

Le conseguenze della Brexit che scatteranno dal 1° gennaio, quando il Regno Unito non sarà più formalmente un Paese UE,  creeranno non poche difficoltà al comparto...

Autotrasporto: a novembre 2020 emissioni di CO2 da benzina e gasolio in calo del 17,8%

  A novembre 2020 le emissioni di CO2 derivate dall’uso di benzina e gasolio per autotrazione sono diminuite di 1.354.425 tonnellate rispetto allo stesso mese del 2019. Tale diminuzione...

Sostenibilità: nuovi camion privi di fossili entro il 2040, industria e scienza uniscono le forze

In una dichiarazione senza precedenti, i produttori di autocarri europei concordano che entro il 2040 tutti i nuovi camion venduti dovranno essere privi di fossili per eliminare il carbonio entro il...