Trasporto rifiuti: la Commissione europea aggiorna la classificazione

CONDIVIDI

martedì 17 novembre 2015

La Commissione europea, con Regolamento 2015/2002 interviene su alcuni allegati del Regolamento 1013/2006 relativo al trasporto transfrontaliero di rifiuti. In particolare, sono state apportate alcune importanti modifiche evolutive nella classificazione dei rifiuti, le quali si riferiscono all’allegato IC e al V.

L’allegato IC, che contiene istruzioni specifiche per la compilazione dei documenti di notifica e di movimento, fa riferimento alla vecchia denominazione delle caratteristiche di pericolo e, pertanto, è stato aggiornato di conseguenza. La parte 2 dell’allegato V del Regolamento, che contiene l’elenco dei rifiuti indicati nell’allegato della decisione 2000/532/CE è stato adeguato in seguito alle modifiche apportate a tale decisione.

I principi fondamentali della codifica dei rifiuti riportati dai citati provvedimenti europei (Regolamento e Decisione), rimangono sostanzialmente invariati e sono, peraltro, meglio esplicitati:
- se al rifiuto va attribuito un codice cosiddetto “assoluto”, lo stesso è pericoloso o non pericoloso, a seconda che detto codice sia contrassegnato, o meno, da un asterisco;
- per i rifiuti con codice “assoluto” e asterisco, va comunque verificato quali caratteristiche di pericolo possiedano;
- solo per i rifiuti ai quali saranno attribuiti codici cosiddetti “a specchio”, le caratteristiche di pericolo eventualmente possedute, determineranno la loro classificazione come pericolosi.

Dunque, le caratteristiche di pericolo da H1 a H15 vengono rinominate da HP1 a HP15 per evitare potenziali confusioni con i codici delle indicazioni di pericolo definiti nel Regolamento (CE) n. 1272/2008. Di conseguenza, è stato modificato anche l’elenco dei rifiuti.
Il Regolamento, contenente i due provvedimenti descritti, è stato emanato al fine di recepire le modifiche introdotte nella recente normativa comunitaria sulla classificazione dei rifiuti e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea dell’11 novembre 2015.



Gloria De Rugeriis

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Raccolta rifiuti: Scania presenta City Door, la porta scorrevole per la Serie L che migliora visibilità e sicurezza

Scania introduce City Door, la porta scorrevole lato passeggero per le cabine della Serie L.La nuova Scania City Door, con una grande superficie vetrata lato passeggero, migliora l’accesso...

Trasporto rifiuti urbani: modifiche al codice ambientale dal 1 gennaio 2021

Arrivano chiarimenti in merito al trasporto di rifiuti urbani dall'Albo gestori ambientali. Dal 1° gennaio 2021, saranno in vigore le modifiche al codice ambientale apportate dal Decreto...

Siena: sanzionato autista di un camion per trasporto rifiuti speciali senza autorizzazione

Un autista di un camion che trasportava rifiuti speciali senza autorizzazione è stato sanzionato dalla Guardia di Finanza di Siena. Una pattuglia delle Fiamme Gialle ha fermato, per i...

Trasporto rifiuti: fino a 30 giorni non è stoccaggio

E' quanto previsto dalla bozza del dlgs Imballaggi, la nuova disciplina in materia di trasporto intermodale dei rifiuti facente parte del pacchetto sull'economia circolare, in attesa di essere...

MUD: il 30 aprile scade il termine per presentare la dichiarazione

Scadrà sabato 30 aprile 2016 il termine per presentare la dichiarazione ambientale (MUD 2016), relative ai rifiuti prodotti e/o gestiti nell’anno 2015. Questo è quanto disposto...

Sistri: sanzioni rinviate a gennaio 2015

Slittano a gennaio 2015 le sanzioni per le inadempienze sul Sistri (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti), ma l'operatività del Sistema resta confermata a partire dal...

Trasporto rifiuti: cambia la capacità finanziaria delle imprese

Adeguati gli importi del requisito della capacità finanziaria per le imprese che svolgono le attività di raccolta e trasporto rifiuti iscritte nelle categorie dalla 1 alla 5: il requisito si...