Germania: è in vigore la legge antidumping sul salario minimo

CONDIVIDI

mercoledì 7 gennaio 2015

Dal 1° gennaio 2015 è entrata in vigore in Germania la legge antidumping sul salario minimo di 8,50 euro/h lorde, che riguarda anche i lavoratori subordinati stranieri che operano all'interno del territorio tedesco.
La norma si applica anche ai trasporti internazionali con origine o destino la Germania, ai trasporti in transito, ai trasporti di cabotaggio. Una norma di tipo doganale in fase di pubblicazione sulla Gazzetta tedesca, impone ai vettori non residenti di comunicare, prima del trasporto in Germania, alcune informazioni alla Bundesfinanzdirektion occidentale di Colonia sul rispetto del salario minimo. L’obbligo di notifica, che deve essere inviata per iscritto ed in lingua tedesca, riguarda i seguenti dati:
- dati dell'impresa;
- cognome, nome e data di nascita del lavoratore;
- inizio e durata stimata dell'operazione di trasporto sul territorio tedesco;
- indirizzo in cui sono reperibili i documenti (in Germania o all'estero; in quest'ultimo caso è necessaria una dichiarazione che i documenti sono a disposizione della dogana tedesca, in lingua tedesca);
- una lettera attestante la prova del pagamento del salario minimo (soltanto alla primaregistrazione).
La notifica può contenere l'elenco delle operazioni per un periodo fino a 6 mesi ed eventuali modifiche delle operazioni di trasporto programmate non devono essere notificate alla dogana tedesca. Sul sito delle dogane tedesche è stato pubblicato il documento di notifica da compilare da parte dell'impresa. L'autista deve registrare l'attività svolta in Germania entro 7 giorni dalla fine del trasporto (inizio, durata e termine dell'attività) e tale documento deve essere conservato per almeno 2 anni, in Germania oppure in territorio straniero.
"La misura in sé non dovrebbe comportare problemi circa l’entità del salario minimoche è in linea con la retribuzione prevista dal CCNL - spiega l'associazione Anita in una nota - Va sottolineato il fatto che essa vale per i lavoratori dipendenti, così come la notifica deve chiaramente riguardare tali lavoratori".
In caso di dichiarazione incompleta o non veritiera della notifica, è stabilita lasanzione pecuniaria fino a 30.000 euro; una sanzione fino a 500.000 euro è invece prevista nelcaso di salario inferiore al minimo salariale tedesco.

Tag: trasporti internazionali

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Abilitazione al trasporto internazionale: le istruzioni per ottenere la dispensa da esame

Recentemente il Ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili è tornato sull’accesso alla professione autotrasporto ribadendo la dispensa dall’esame di...

Trasporti internazionali: scadenze in vista per rinnovo e conversioni autorizzazioni CEMT

Scade il 30 settembre 2022 il termine per la presentazione delle domande di rinnovo e conversione in assegnazione fissa delle autorizzazioni per trasporti in Paesi non-UE. Il 31 ottobre 2022 è...

Vettori ucraini: il Mims estende l'esenzione da autorizzazione per il trasporto internazionale di merci

Estesa l'esenzione da autorizzazione al trasporto internazionale di merci su strada per i vettori di nazionalità ucraina.  Il provvedimento è in atto dallo scorso marzo e consente...

Dal 1° luglio la Romania monitorerà il trasporto su strada di merci ad alto rischio fiscale

Dal prossimo 1° luglio la Romania monitorerà il trasporto su strada di merci ad alto rischio fiscale tramite il sistema elettronico integrato Ro e-Transport. Il provvedimento, contenuto...

Commissione Ue: un piano di emergenza in 10 azioni per proteggere i trasporti

Negli ultimi anni il settore dei trasporti è stato chiamato ad affrontare emergenze particolarmente gravi, cambiamenti e nuove sfide, a cominciare dalla pandemia di Covid-19, per arrivare alla...

Assarmatori: nuovi accordi commerciali per superare blocco delle materie prime da Russia e Mar Nero

Con il Mar Nero e Mar d’Azov interdetti alle unità mercantili italiane e il rischio nei porti russi del Baltico, come San Pietroburgo e Murmansk, di ritorsioni contro le navi italiane...

Assoporti: in crescita il traffico merci nel 2021 ma ancora non a livelli pre pandemia

Nel 2021 nei porti italiani sono state movimentate complessivamente 481,5 milioni di tonnellate di merci, in crescita dell’8,4% rispetto al 2020 (444 milioni di tonnellate). Un dato che, per...

Assoporti: più infrastrutture e meno burocrazia per competere con altri Paesi del Mediterraneo

"Le autostrade del mare sono principi di economia intelligente che vanno rilanciate con forza anche perché danno risposte alla sostenibilità che è un valore sempre più...