ACI World: dieci anni dall’inizio dell’Airport Carbon Accreditation

lunedì 2 dicembre 2019 12:00:54

Durante la 13a edizione di ACI Airport Exchange, l'incontro globale dei gestori aeroportuali, principali fornitori del settore e stakeholder dell'aviazione che si sono riuniti nei giorni scorsi ad Abu Dhabi, l'Airport Carbon Accreditation ha pubblicato i risultati annuali della gestione delle emissioni anidride carbonica fornita dagli aeroporti coinvolti nel programma di riduzione delle emissioni di Co2, che compie il decimo anno dalla sua istituzione.
L'anno di riferimento passato, che va da maggio 2018 a maggio 2019, ha segnato un decennio dall'inizio del programma, conclusosi con 274 aeroporti accreditati in tutto il mondo, in aumento del 16% rispetto all'anno precedente, dimostrando la spinta più forte che mai del settore aeroportuale a mantenere il proprio impegno a ridurre le emissioni di Co2, come stabilito nel 2007.
Dallo scorso maggio, altri 14 aeroporti hanno aderito al programma e sono stati certificati in uno dei suoi 4 livelli di accreditamento (mappatura, riduzione, ottimizzazione e neutralità), arrotondando il numero totale di aeroporti accreditati a 288. Di questi, 147 sono in Europa, 53 in Asia-Pacifico, 47 in Nord America, 27 in America Latina e Caraibi e 14 in Africa.
“Gli aeroporti hanno lavorato duramente per raggiungere riduzioni tangibili di Co2 attraverso il programma Airport Carbon Accreditation – ha commentato Angela Gittens, direttore generale ACI World –. È passato un decennio dal lancio e il programma continua a crescere, sia nel numero di aeroporti che entrano a bordo sia nel livello di ambizione per la gestione del carbonio. Nel suo decimo anno, 49 aeroporti partecipanti hanno raggiunto un livello di accreditamento più stringente, il più alto mai registrato.
Da maggio 2018 a maggio 2019, gli aeroporti accreditati sono riusciti a ridurre collettivamente le emissioni di Co2 sotto il loro controllo di 322.297 tonnellate, (-4,9%). Inoltre, i cinquanta aeroporti al più alto livello di accreditamento hanno contribuito a un'ulteriore riduzione di 710.673 tonnellate di Co2 in altri settori attraverso compensazioni volte a bilanciare le loro emissioni residue. Le scelte in termini di compensazione sono state inquadrate dal documento di guida alle compensazioniche abbiamo messo a punto recentemente, che stabilisce nuovi requisiti e raccomandazioni per aiutare i gestori aeroportuali a ottenere il massimo della qualità nelle procedure di compensazione".
Una sezione dedicata alla compensazione del carbonio è stata aggiunta quest’anno alla relazione sull’Airport Carbon Accreditation, nel tentativo di offrire informazioni più dettagliate sui progetti specifici sostenuti dagli aeroporti accreditati. È importante notare che prima di qualsiasi compensazione di Co2, gli operatori aeroportuali devono seguire ogni possibile percorso di riduzione delle emissioni sotto il loro controllo operativo. Gli investimenti in energie rinnovabili, illuminazione e riscaldamento più efficienti dal punto di vista energetico, il passaggio a veicoli terrestri ibridi o elettrici e le attrezzature di supporto, nonché l'incentivazione del cambiamento comportamentale dei dipendenti sono alcuni esempi di iniziative messe in atto dagli aeroporti certificati.
“I collegamenti aerei sono una parte essenziale della società moderna, perché consentono a persone, imprese e comunità di lavorare insieme a beneficio di tutti. Tuttavia, questa mobilità pone anche alcune gravi sfide, in particolare in termini di cambiamenti climatici – ha dichiarato Niclas Svenningsen, a capo dell'iniziativa Climate Neutral Now nella Segreteria della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) –. Continuando il loro eccellente lavoro per far fronte alle emissioni attraverso l’affiliazione all’Airport Carbon Accreditation, gli aeroporti di tutto il mondo stanno dimostrando che la mobilità e la sostenibilità non implicano necessariamente compromessi. È incoraggiante assistere alla spinta dell'industria aeroportuale verso l'ambiziosa gestione del carbonio dall'interno, che quest'anno ha prodotto una riduzione del 4,9% delle emissioni di Co2 sotto il proprio controllo. C'è molto che altri settori industriali possono imparare da questo comportamento e persino emulare”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Aeroporti

Altri articoli della stessa categoria

L’Aeroporto di Bergamo riceve la certificazione per la prevenzione dal rischio Covid-19

giovedì 9 luglio 2020 09:49:33
Sacbo ha ricevuto dal provider di certificazione TÜV SÜD la certificazione per la piena e corretta applicazione delle misure di prevenzione dal...

ACI World: drammatico impatto di Covid-19 sul traffico aereo ad aprile

martedì 7 luglio 2020 10:00:54
Il traffico passeggeri globale è diminuito del 94,4% ad aprile, rispetto allo stesso mese 2019, una cifra che esprime chiaramente il drammatico impatto...

Vueling riattiva i collegamenti sull’Aeroporto di Firenze

lunedì 6 luglio 2020 09:42:18
Vueling sta procedendo in questi giorni alla progressiva riattivazione dei propri voli sugli aeroporti toscani, a cominciare dalla rotta Barcellona-Firenze, a...

L’Aeroporto di Fiumicino premiato dalle Nazioni Unite per la sostenibilità

venerdì 3 luglio 2020 13:25:51
Per la prima volta in assoluto l'Organizzazione Mondiale del Turismo ha voluto premiare l’Aeroporto “Leonardo da Vinci” con un riconoscimento...

Aeroporto di Fiumicino: riapre Area imbarco E

mercoledì 1 luglio 2020 09:32:14
A partire da oggi, in concomitanza con la progressiva riapertura delle frontiere internazionali extra-Schengen, torna operativa l'area di imbarco E dello scalo...