ACI World: classifica aeroporti 2019. Confronto con dati 2020 mostra drammatico impatto crisi Covid-19

giovedì 21 maggio 2020 16:05:25

ACI World ha pubblicato le classifiche preliminari del traffico aeroportuale mondiale relative a passeggeri, merci e movimenti degli aeromobili per il 2019 combinate con uno sguardo ai dati del 2020 che mostrano il drammatico impatto del Covid-19 sugli aeroporti nel primo trimestre.
Nel 2019 il traffico passeggeri nei 20 principali aeroporti del mondo è cresciuto dell'1,7%. Con oltre 1,5 miliardi di passeggeri che passano attraverso i propri terminal, questo gruppo di scali rappresenta il 17% del traffico passeggeri globale.
L'attuale crisi sanitaria, tuttavia, ha portato gli aeroporti di tutto il mondo a un punto morto virtuale, che si sta ripercuotendo sul traffico e ha generato perdite di entrate in tutte le regioni. ACI World stima una riduzione di oltre 4,6 miliardi di passeggeri e di oltre 97 miliardi di dollari di entrate per il 2020.

Confrontando i dati 2019 e del 2020, emerge il drammatico declino dei viaggi aerei nel primo trimestre dell’anno in corso. Al secondo posto tra i primi cinque aeroporti, Pechino ha registrato in particolare un calo del 62,6% nel traffico passeggeri, ma anche gli altri 20 principali aeroporti in Asia-Pacifico hanno dovuto fronteggiare pesanti cali di traffico man mano che l'epidemia di Covid-19 ha preso piede nella regione.

Il primo scalo aeroportuale al mondo si conferma ancora Atlanta-Hartsfield-Jackson, con 110.531.300 passeggeri transitati nel 2019; confrontando i dati del primo trimestre di quest’anno con quelli del primo trimestre 2019, l’aeroporto statunitense registra una contrazione nel flusso di passeggeri pari al 18,2%. In terza posizione l’aeroporto internazionale di Los Angeles, con 88.068.013 passeggeri; in questo caso nel primo trimestre 2020 si registra rispetto ai primi tre mesi dello scorso anno una flessione del 21,7%. Al quarto posto l’aeroporto internazionale di Dubai, dove nel 2019 sono transitati 86.396.757 passeggeri; esaminando i dati del primo trimestre 2020 la diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2019 è stata del 28,5%. Al quinto posto l’aeroporto di Tokyo Haneda, che ha registrato lo scorso anno 85.505.054 passeggeri; nello scalo giapponese nei primi tre mesi dell’anno la contrazione di traffico è stata pari al 28,5% rispetto al primo trimestre 2019.

"I dati ACI mostrano che lo scoppio di Covid-19 ha avuto un impatto drammatico e immediato sugli aeroporti del mondo e sul più ampio ecosistema aeronautico – ha dichiarato la direttrice generale ACI, Angela Gittens –. Da un periodo di crescita sostenuta del traffico passeggeri nel 2019, l'industria è ora in modalità di sopravvivenza, paralizzata dalla perdita di traffico passeggeri e ricavi. Quest'anno porterà sfide importanti e senza precedenti per l'industria, in quanto gli impatti delle restrizioni sui viaggi e delle misure di blocco introdotte in risposta alla pandemia rimangono una minaccia esistenziale per il settore dell'aviazione, a meno che i governi non possano fornire aiuti e assistenza adeguati".

Per quanto riguarda il cargo, in un contesto economico globale che è rimasto piuttosto complicato, il volume delle merci aviotrasportate nei 20 principali aeroporti del mondo nel 2019 è stato di 48 milioni di tonnellate, in calo del 3,9%. L'aeroporto di Hong Kong rimane il più grande hub del trasporto aereo di merci, con 4,8 milioni di tonnellate movimentate, ma ha registrato un calo di volumi del 6,1% rispetto al 2018. Al secondo posto l’aeroporto di Memphis, con poco più di 4,3 milioni di tonnellate movimentate, e al terzo l'aeroporto di Shanghai (3,6 tonnellate).
Tutti e tre hanno registrato notevoli cali nel primo trimestre del 2020 (rispettivamente -10,9, -6,8 e -7,6%), mentre gli aeroporti di Louisville (quarto con 2,79 tonnellate) e Incheon (quinto con 2,76 tonnellate) hanno registrato una crescita delle merci durante le prime fasi dell'epidemia Covid-19 (rispettivamente +2,2 e +2,5%).

I movimenti di aeromobili sono cresciuti dell’1,5% per i primi 20 aeroporti. Chicago O'Hare è rimasto l'aeroporto più trafficato del mondo per i movimenti degli aeromobili; al secondo posto l'Aeroporto Atlanta-Hartsfield-Jackson. Entrambi hanno visto diminuire i movimenti nel primo trimestre del 2020 (rispettivamente -0,3 e -5.5%)..

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Antitrust avvia procedimenti nei confronti di Blue Panorama, easyJet, Ryanair e Vueling per vendita viaggi cancellati causa Covid-19

In base a un crescente numero di segnalazioni da parte dei consumatori, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato quattro procedimenti istruttori - e altrettanti...

Rinascita urbana, infrastrutture e trasporti: accordo triennale tra MIT e Politecnico di Milano

Accordo triennale tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) e il Politecnico di Milano per migliorare la manutenzione e la gestione delle infrastrutture oltre che per lo sviluppo...

Motorizzazioni ibride ed elettriche, corsi di formazione Federpneus per i gommisti

L’innovazione in campo automotive comporta un aggiornamento delle competenze degli addetti del settore dell’autoriparazione. La commissione tecnica di Federpneus insieme con Antares...