Iata: le misure di contrasto alla variante Delta affossano il traffico domestico ad agosto

CONDIVIDI

venerdì 1 ottobre 2021

La ripresa dei viaggi aerei risulta in rallentamento ad agosto rispetto a quanto era emerso invece nel mese di luglio, probabilmente a causa delle azioni dei governi in risposta alle preoccupazioni sulla diffusione della variante Delta del Covid-19, che hanno ridotto profondamente la domanda di viaggi interni.

Questa la valutazione elaborata dall’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) che, ancora per il mese di agosto, misura i dati di traffico comparandoli al corrispondente mese 2019 invece che 2020, a causa dell’impatto straordinario che il Covid ha avuto sui flussi di viaggio dello scorso anno, rendendo impossibile un confronto coerente con i dati dell'anno in corso.

La domanda totale di viaggi aerei ad agosto (misurata in ricavi passeggeri chilometri o RPK) è diminuita del 56% rispetto ad agosto 2019. Si tratta per l’appunto di un nuovo rallentamento rispetto a luglio, quando la domanda era risultata inferiore del 53% rispetto ai livelli di luglio 2019.

In particolare Iata sottolinea come questo risultato sia interamente guidato dall’andamento negativo dei mercati domestici, in calo del 32,2% rispetto ad agosto 2019, in forte peggioramento rispetto a luglio 2021, quando il traffico era diminuito del 16,1% rispetto a due anni fa. L'impatto peggiore è stato in Cina, mentre India e Russia sono stati gli unici grandi mercati a mostrare un miglioramento di mese in mese rispetto a luglio 2021.

La domanda di passeggeri internazionali ad agosto di quest’anno è stata inferiore del 68,8% rispetto allo stesso mese 2019, in miglioramento rispetto al calo del 73,1% registrato a luglio. Tutte le regioni hanno registrato numeri in ripresa, soprattutto grazie all'aumento dei tassi di vaccinazione e alle restrizioni ai viaggi internazionali meno stringenti in alcune regioni.

“I risultati di agosto – ha spiegato Willie Walsh, direttore generale della Iata – riflettono l'impatto delle preoccupazioni sulla variante Delta sui viaggi nazionali, anche se i viaggi internazionali sono proseguiti a passo di lumaca verso una piena ripresa che non potrà avvenire finché i governi non ripristineranno la libertà di viaggiare. A tale proposito, il recente annuncio degli Stati Uniti di revocare le restrizioni di viaggio dall'inizio di novembre ai viaggiatori completamente vaccinati è un'ottima notizia e porterà certezza in un mercato chiave. Ma le sfide rimangono, le prenotazioni di settembre indicano un ridimensionamento della ripresa internazionale. Questa è una brutta notizia che avrà delle ripercussioni sul quarto trimestre tradizionalmente più lento".

Il traffico internazionale dei vettori europei è diminuito del 55,9% rispetto ad agosto 2019, migliorando significativamente il calo del 63,2% di luglio rispetto allo stesso mese del 2019. La capacità è scesa del 45% e il fattore di carico è sceso di 17,7 punti percentuali al 71,5%.

Le compagnie aeree dell'Asia-Pacifico hanno visto il loro traffico internazionale di agosto diminuire del 93,4% rispetto ad agosto 2019, dunque in leggero miglioramento rispetto al calo del 94,5% registrato a luglio rispetto a luglio 2019, poiché la regione continua ad avere le più severe misure di controllo delle frontiere. La capacità è scesa dell'85,7% e il fattore di carico è sceso di 44,9 punti percentuali al 37,9%, di gran lunga il più basso tra le regioni.

Le compagnie aeree del Medio Oriente hanno registrato un calo della domanda del 69,3% ad agosto rispetto allo stesso mese 2019, migliorato rispetto al calo del 73,6% di luglio rispetto allo stesso mese del 2019. La capacità è diminuita del 55% e il fattore di carico è sceso di 26,2 punti percentuali al 56,2%.

I vettori nordamericani hanno registrato un calo del traffico del 59% ad agosto rispetto al 2019, molto migliorato rispetto al calo del 61,7% registrato a luglio rispetto allo stesso mese 2019. La capacità è scesa del 48,5% e il fattore di carico è sceso di 18 punti percentuali al 70,3%.

Le compagnie aeree dell'America Latina hanno registrato un calo di traffico pari al 63,1% ad agosto, rispetto allo stesso mese 2019, migliorato rispetto al calo del 68,3% di luglio rispetto a luglio 2019. La capacità è diminuita del 57,3% e il fattore di carico è sceso di 11,4 punti percentuali al 72,6%, che è stato il load factor più alto tra le regioni per l'undicesimo mese consecutivo.

Il traffico delle compagnie aeree africane è diminuito del 58,5% ad agosto rispetto a due anni fa, leggermente migliorato rispetto al calo del 60,4% di luglio rispetto a luglio 2019. La capacità è diminuita del 50,1% e il fattore di carico è sceso dal 12,7% al 63,0%.

Per quanto riguarda i mercati nazionali, il traffico interno cinese è diminuito del 57% rispetto ad agosto 2019, in drastico peggioramento rispetto al calo del 2,5% registrato a luglio. Tuttavia, i casi complessivi erano bassi e i focolai erano per lo più sotto controllo alla fine di agosto, suggerendo che i numeri miglioreranno a settembre.
Il traffico interno indiano ha invertito la tendenza, poiché la domanda è risultata ad agosto in diminuzione del 44,8%, quindi in miglioramento rispetto al calo del 58,9% registrato a luglio rispetto a luglio 2019, grazie alle tendenze positive nei nuovi casi e nella vaccinazione.

“Il rapido rallentamento della ripresa del traffico nazionale ad agosto, a causa di un picco nella variante Delta, mostra come i viaggi aerei continuino ad essere esposti ai cicli di Covid-19 – ha concluso Walsh –. Questo fatto dovrebbe tradursi in due messaggi per i governi. Il primo è che questo non è il momento di far mancare al settore un supporto continuativo, sia finanziario che normativo. Il secondo è la necessità di applicare un approccio risk-based alla gestione delle frontiere, come stanno già facendo i passeggeri nel pianificare i loro viaggi".

La prossima settimana, i leader della comunità globale del trasporto aereo si riuniranno a Boston in occasione della 77a riunione generale annuale della Iata e del World Air Transport Summit, in programma dal 3 al 5 ottobre.

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Aeroporto di Bergamo: da gennaio via ai voli della compagnia norvegese Flyr

L’Aeroporto di Bergamo si appresta ad accogliere una nuova compagnia aerea. Si tratta di Flyr, vettore norvegese che opera con una flotta di tre Boeing 737-800 da 189 posti e ha la sua base...

Protesta Green pass: nel porto di Trieste l'operatività torna a regime

L'operatività del porto di Trieste sta tornando a regime. Lo scrive in una nota l'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico orientale precisando che il traffico stradale recupera...

Toyota: un investimento da 3,4 miliardi di dollari per la produzione di batterie

Diverse case automobilistiche, per dare un apporto ancora maggiore alla transizione elettrica, si stanno orientando verso la produzione di batterie, alla base dei veicoli elettrici già, per...

Turchia: pubblicato il programma economico di medio termine 2022-2024

È stato pubblicato nella gazzetta ufficiale lo scorso 5 settembre il nuovo Programma di Medio Termine (MTP) della Turchia relativo al periodo 2022-2024. Il programma è stato sviluppato...

Porto di Gioia Tauro: 50 milioni di euro per potenziare il terminal

Un piano di sviluppo per potenziare la capacità di trasbordo, incrementare i volumi gestiti nell'area portuale di Gioia Tauro e aumentare i livelli occupazionali. La società Medcente...

DHL mira a ridurre a zero le emissioni del trasporto aereo

DHL Global Forwarding continua la sua strada verso una logistica a zero emissioni. La società ha acquistato 3,4 milioni di galloni di carburante sostenibile per l’aviazione (SAF) –...

Trasporto pubblico locale: oltre 135 milioni per il rinnovo dei mezzi e delle infrastrutture di rifornimento della regione Marche

In arrivo oltre 135 milioni di euro di finanziamenti destinati al rinnovo dei mezzi e alle infrastrutture di rifornimento per il trasporto pubblico locale della regione Marche. Risorse che –...

Anfia: il mercato degli autocarri torna positivo a settembre. In crescita anche gli autobus

A settembre, il mercato degli autocarri torna a segnare un rialzo a doppia cifra dopo il risultato negativo registrato ad agosto, mentre i veicoli trainati proseguono il trend di ripresa dei mesi...