Baltic Air Freight Index Review: anche con inizio del nuovo anno la volatilità del trasporto aereo rimane diffusa

CONDIVIDI

lunedì 11 gennaio 2021

Anche con l’inizio del nuovo anno, ci sono pochi segnali che indichino un cedimento della pressione sulle tariffe del trasporto aereo globale. Il Baltic Air Freight Index complessivo è salito a 3,155 questa settimana, con un aumento di oltre il 100% anno su anno. Le ultime settimane hanno registrato le letture assolute più alte dal minimo della capacità di trasporto aereo di merci nel secondo trimestre del 2020, anche se l'alta stagione tradizionale è in attenuazione. L’indice settimanale del trasporto aereo riflette le tariffe negoziate dai principali hub: Londra, Francoforte, Hong Kong, Chicago, Shanghai e Singapore verso le principali regioni di importazione a livello globale.

Diversi problemi stanno contribuendo al persistere di questi livelli elevati. Sul fronte della domanda, l'attività di rifornimento è stata uno dei principali motori del recupero globale delle merci in tutti i comparti, compreso il trasporto aereo. Le metriche di inventario e di vendita rimangono vicine ai minimi storici nei mercati di consumo internazionali, in particolare nell'economia al dettaglio. E la situazione della capacità nel trasporto marittimo non è stata d'aiuto. Per quanto riguarda l'acqua, il consolidamento della capacità del vettore, la mancanza di container disponibili e le strozzature nell'entroterra hanno prodotto prezzi più alti e ritardi significativi, determinando una maggiore domanda nell'aria e l'immissione ulteriore pressione sulla capacità.

I modelli di previsione degli spedizionieri sono stati completamente ribaltati dalla pandemia globale. Stabilire la domanda di base oltre al rifornimento a monte e prevedere come e quando i modelli di consumo si stabilizzeranno è un'impresa gigantesca – spiega il provider Baltic Exchange –. E il percorso da seguire è tutt'altro che lineare, soprattutto perché i casi Covid si riaccendono e i governi adottano ulteriori chiusure e chiusure di frontiere. Di conseguenza, i caricatori possono essere più propensi a utilizzare il rifornimento del trasporto aereo di merci come riserva di inventario di fronte a tale volatilità e incertezza.
A lungo termine, la pandemia globale sta influenzando il cambiamento strutturale nel mercato che va oltre l'interruzione temporanea della catena di approvvigionamento. Ad esempio, il commercio elettronico è da diversi anni un motore emergente della domanda di trasporto aereo di merci, ma la pandemia ha portato avanti le tendenze di crescita di altri due o tre anni, aumentando il flusso delle spedizioni transfrontaliere per la necessità di un rapido rifornimento delle scorte. E questa domanda può determinare modelli stagionali che si discostano dalla norma storica.

E poi ci sono gli effetti diretti della pandemia sulla domanda: mentre i casi aumentano di nuovo, le spedizioni di dispositivi di protezione individuale rimangono elevate, rafforzando il volume di base durante la tipica pausa del primo trimestre. Inoltre è iniziata la distribuzione del vaccino. Il pieno impatto della distribuzione del vaccino sulla capacità di trasporto aereo potrebbe non essere così grave come alcuni prevedono, a causa della natura erogata della produzione e, molto semplicemente, del fattore di forma delle dosi: Baltic Exchange ritiene invece che i colli di bottiglia siano più probabili dalla disponibilità dei container, stoccaggio, movimentazione e distribuzione stradale. Ma l'effetto netto sarà senza dubbio quello di assorbire capacità, soprattutto poiché le spedizioni di vaccino hanno la priorità sul cargo generale, con un probabile impatto anche fino al 2022.

Dal lato dell'offerta, coloro che sperano di colmare le perdite entro il 2020 potrebbero dover attendere ancora. La domanda di passeggeri rimarrà depressa almeno per tutta la prima metà dell'anno – sottolinea Baltic Exchange –. Tra l’altro, le restrizioni ai viaggi stanno tornando in vigore con l'aumento delle infezioni e l'emergere di nuovi ceppi virali, quindi le dinamiche della capacità potrebbero ulteriormente peggiorare prima di intravvedere un miglioramento.

Entro la seconda metà del 2021 Baltic Exchange prevede che con il procedere delle vaccinazioni i voli passeggeri riprenderanno. Ma mette in guardia contro possibili facili entusiasmi, poiché è probabile che i primi voli a riprendere siano a corto raggio, nazionali e di piacere, che si allineano meno favorevolmente con le dinamiche cargo. Sottolinea invece come i principali viaggi internazionali a lungo raggio e la capacità di carico aggiuntiva che ne consegue saranno più lenti a tornare, quindi la riduzione della capacità per le merci dovrebbe ritardare la ripresa dell'attività dei passeggeri aerei. Guardando la flotta all-cargo, è arrivata una fornitura incrementale, ma potremmo trovarci in uno scenario peculiare in cui i tassi non sono abbastanza alti da giustificare conversioni significative e all'ingrosso a breve termine da passeggeri a merci e l'incertezza sul tasso di rimbalzo dei passeggeri rende i vettori riluttanti ad accelerare le conversioni o le implementazioni a lungo termine.

La pandemia non è stata l'unico catalizzatore di capacità e volatilità dei tassi.
Anche fattori geopolitici concomitanti – sottolinea Baltic Exchange – stanno contribuendo all'interruzione, aggravando le sfide di pianificazione per gli attori del trasporto aereo. Ad esempio ulteriori restrizioni ai voli legate al Covid hanno preso piede dopo la notizia di un nuovo ceppo virale. Ma queste restrizioni sono state aggravate da una controversia sul lavoro di addetti alla movimentazione del carico, nonché dall'incertezza della catena di fornitura a causa della scadenza rappresentata dalla Brexit.
Di fronte a queste sfide, gli spedizionieri potrebbero dover trovare alternative creative per la gestione dei costi. Per quanto possibile – conclude Baltic Exchange – è fondamentale una maggiore collaborazione con i partner: comunicazione con intermediari e vettori e integrazione di dati e strumenti tecnologici. In conclusione: è probabile che i tassi rimangano elevati e volatili per un po’ di tempo e coloro che cercano una tregua nel 2021 potrebbero dover essere pazienti.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Aeroporto di Napoli: Volotea rafforza la presenza con due A320

Saranno 23 le rotte operate da Volotea dall’Aeroporto di Napoli nella stagione estiva 2021. Tra le 11 destinazioni domestiche, oltre alla novità Lampedusa, figurano Alghero, Cagliar...

Trasporto e logistica: Assoferr entra nella rete Conftrasporto-Confcommercio

Il sistema di rappresentanza del mondo del trasporto e della logistica che afferisce alla rete Conftrasporto-Confcommercio si amplia con l'ingresso di Assoferr, Associazione degli operatori...

Porto di Catania: al via la campagna vaccinale anti COVID-19 per tutti gli operatori

Ha riscontrato numerose adesioni la proposta di Confindustria per la realizzazione di piani aziendali volti alla prevenzione e alla lotta contro il virus SARS-CoV-2/Covid-19 nei luoghi di...

Mercato auto, crescono i prezzi del nuovo: in aprile +2,9%

I prezzi del mercato delle auto nuove sono in accelerazione per il terzo mese consecutivo. Aprile segna un tasso di crescita tendenziale (cioè rispetto allo stesso mese dell’anno...

Anfia: a marzo 2021 cresce la produzione automotive ma il confronto con il 2020 non è indicativo

La produzione dell’industria automotive a marzo 2021 è cresciuta a tripla cifra rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Non c’è da stupirsi, però: marzo...

Aspi: attiva la prima stazione di ricarica ultraveloce sulla rete autostradale

I convertiti all’elettrico le hanno aspettate tanto e ora stanno arrivando: sono le prime stazioni di ricarica elettrica super veloce sulla rete autostradale. Da oggi, infatti, è...

Infrastrutture: è la Turchia il paese con maggiori investimenti al mondo

L’economia turca cresce a ritmo veloce e sostenuto, grazie all’imponente politica di investimenti infrastrutturali, confermandosi come uno dei paesi con il maggior tasso di crescita al...

L’aeroporto del Salento riapre al traffico

Dopo oltre venti giorni l’aeroporto del Salento è riaperto al traffico. Lo scalo era stato chiuso il 20 aprile scorso per consentire la realizzazione della fase 1 dei lavori di...